Orazio Rotunno

Calciomercato Inter, clausola Balotelli: ecco tutti i dettagli

Calciomercato Inter, clausola Balotelli: ecco tutti i dettagli
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Caso-Sneijder: l'olandese vuole buonauscita, si va per il no al Galatasaray ed aspetta la Premier

Sneijder-Inter ai ferri corti

Sneijder-Inter ai ferri corti

MILANO, 11 GENNAIO – Nel turbinio del calciomercato dell’Inter, fermo con le quattro freccie per via dell’ormai datato caso-Sneijder, spunta nuovamente un nome che non serve propriamente a rimettere ordine nella situazione ingarbugliata della beneamata. E ad aggiungere sale al tutto ci pensa uno dei massimi dirigenti dell’Inter, il ds Piero Ausilio. “Su Balotelli esiste un diritto di prelazione: nel momento in cui il City decidesse di cederlo, noi decideremmo se esercitarlo o meno“. Parole pronte a scatenaro il putiferio, come solitamente accade quando si parla di Supermario.

BALO A MILANO, MA SU QUALE SPONDA? – Due certezze: Mario Balotelli lascerà il City a giugno, e lo farà per tornare a Milano: 70% Milan e 30% Inter. Possiamo azzardare queste percentuali per diversi motivi. Motivo n.1: in Inghilterra dopo 3 anni di eccessi e comportamenti che definire “poco simpatici” sarebbe un eufemismo, non ha mercato ed estimatori. In Francia e Germania possono permetterselo solo Bayern Monaco o Psg, che non cercano un attaccante ben che meno dalle sue caratteristiche comportamentali. In Spagna non vi sono mai state voci a riguardo, e comunque il biennio 2013-2014 dovrebbe consegnare Falcao e Neymar rispettivamente a Real e Barça. Resta l’Italia, ed esclusa la Juventus mai interessata al Balotelli persona, più che giocatore, due sono le opzioni non ancora escluse e capaci di sostenerne l’operazione a livello di cartellino ed ingaggio. Le percentuali penderebbero oltremodo per il Milan non vi fosse un particolare non da poco. La clausola che l’Inter inserì nel 2010, nel contratto firmato da Balotelli al momento del suo passaggio al City. Seconto tale postilla, l’Inter può pareggiare in qualsiasi momento un’eventuale offerta di un’altra società per il giocatore, offerta che avrebbe diritto di precedenza sulle altre. In pratica, se il Milan offre 20 milioni, all’Inter basterà mettere la stessa cifra sul piatto per accaparrarsi il giocatore. A confermalo è lo stesso ds Ausilio: “Su Balotelli esiste un diritto di prelazione: nel momento in cui il City decidesse di cederlo, noi decideremmo se esercitarlo o meno”. Poi parla anche sul piano tecnico dell’operazione, “Tecnicamente, Mario sarebbe adatto a giocare al fianco di qualsiasi attaccante. Un’apertura chiara insomma, rilasciata nell’intervista su Panorama, e che non fa che alimentare nuove voci di mercato. Immediate le parole di Raiola, anche riguardo voci di un suo passaggio al Napoli: “Balotelli non è una mela marcia ma una ciliegina. Berlusconi ha sbagliato, ha fatto una gaffe. E’ difficile che Mario adesso possa venire in Italia. Possibilità? Lo 0,0001%. E con il Napoli non c’è assolutamente nulla“.

SNEIJDER, A TIRARE TROPPO LA CORDA PRIMA O POI SI SPEZZA – Comincia a diventare estenuante il tira e molla fra l’olandese e l’Inter. Adesso è in arrivo a Milano il procuratore Lerby e la sensazione è che la vicenda sia parecchio lontana da una conclusione, soprattutto se venisse confermata la voce secondo cui Sneijder sia intenzionato a chiedere una buonauscita per lasciare la squadra. Non è convinto del Galatasaray, è molto propbabile un secco no ai turchi, ed aspetta sino all’ultimo una chiamata dalla Premier League. L’Inter però comincia a stancarsi della situazione, ed in un braccio di ferro fra le parti a perderci sarebbe soprattutto il giocatore, che nel pieno della sua carriera rischia di fare a lungo da spettatore. Il Galatasaray ha messo sul piatto un’ottima offerta, per il club e giocatore: qualora venisse rifiutata anche questa allora il rischio di una vita da separati in casa sino a giugno prossimo sarebbe altissimo.

E non sono escluse sorprese dell’ultima ora sino al 31 gennaio, magari sull’altra sponda di Milano. Per la felicità della bella Yolanthe.

Orazio Rotunno

Share Button