Redazione

Mourinho contro tutti: il Real Madrid sull’orlo di una crisi di nervi

Mourinho contro tutti: il Real Madrid sull’orlo di una crisi di nervi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MourinhoMADRID, 7 GENNAIO – Non c’è pace in casa del Real Madrid. Nonostante la vittoria per 4-3 sulla Real Sociedad e i 2 punti rosicchiati ai cugini dell’Atletico Madrid divampano roventi le polemiche sulle scelte operate dal tecnico Jose Mourinho. In occasione della sfida contro i baschi il tecnico portoghese ha infatti nuovamente escluso dall’undici di partenza il portiere della nazionale Ilker Casillas preferendogli ancora una volta il giovane Adan.

LE POLEMICHE – L’ennesima esclusione del capitano e bandiera dei “bianchi” non è stata presa bene dal pubblico madrileno che ha sonoramente fischiato l’ex allenatore dell’Inter e la situazione è peggiorata quando, dopo soli 6 minuti di gioco, l’estremo difensore Adan è stato espulso per un fallo su Carlos Vela con conseguente rigore per la Real Sociedad. A questo punto, visto l’imminente ingresso di Casillas, Ronaldo ha offerto la fascia di capitano al portiere della nazionale spagnola che l’ha cortesemente rifiutata. Molto elegante il gesto del fuoriclasse lusitano ma anche emblematico per capire come, all’interno dello spogliatoio, la figura di Mourinho sia ormai messa decisamente in discussione. Nonostante l’inferiorità numerica il Real ha vinto per 4-3, grazie ad uno strepitoso Cristiano Ronaldo autore di una doppietta, e si è portato a sole 5 lunghezze di ritardo dai cugini dell’Atletico che occupano la seconda posizione in classifica.

LE POSSIBILI CONSEGUENZE – Le numerose polemiche che sono divampate in questo inizio di stagione hanno portato il Real Madrid sull’orlo di una crisi di nervi ed è praticamente certo che qualche strascico non mancherà, nel breve o nel lungo periodo. Sembra infatti poco probabile, ma non da escludere del tutto, un esonero di Jose Mourinho dall’incarico di tecnico della prestigiosa squadra spagnola ma diventa abbastanza facile pronosticare un cambio di guida tecnica al termine di una stagione dove anche i risultati non sembrano dare ragione all’ex tecnico del Chelsea. Il passaggio del turno nella fase a gironi di Champions League non sembra bastare a compensare il grave ritardo accumulato in campionato nei confronti del Barcellona e la posizione alle spalle dell’Atletico Madrid che relega al momento Cristiano Ronaldo e compagni al terzo posto in graduatoria. Resta poi da verificare l’impatto che potrà avere il brutto clima che si respira all’interno dello spogliatoio nell’affrontare i successivi impegni di campionato e di Champions League, quest’ultimo in modo particolare obiettivo ancora decisamente raggiungibile dagli attuali campioni di Spagna.

a cura di Mauro Leone

Share Button