Redazione

Blatter critica il gesto di Boateng

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il Milan risponde alle dichiarazioni del Presidente FIFA con un comunicato sul sito ufficiale della società

MILANO, 7 GENNAIO – Alcuni giorni dopo il fattaccio di Busto Arsizio dove, nell’amichevole disputata dal Milan contro la Pro Patria, Boateng aveva ricevuto insulti razzisti ed incassato la solidarietà dalla maggior parte degli addetti ai lavori, ora si registrano delle voci fuori dal coro.

Dopo Seedorf, il quale aveva detto che cosi facendo Boateng aveva dato troppa importanza a quella gente, anche il Presidente FIFA, Joseph Blatter, è in disaccordo con il gesto del giocatore milanista. Ecco le parole del massimo esponente del calcio mondiale: Lasciare il campo non credo sia la soluzione. Ci vogliono tolleranza zero e sanzioni dure contro il razzismo. Non penso che un giocatore possa lasciare il campo perché altrimenti scatta la squalifica. La federazione italiana deve ancora relazionarci sull’accaduto. Questo è un argomento molto delicato. Ripeto, non ci deve essere tolleranza sul razzismo allo stadio, bisogna combattere questo fenomeno. L’unica soluzione è quella di essere molto duri con le sanzioni e le sanzioni devono essere una diminuzione di punti o qualcosa di simile. Quanto accaduto è l’esempio che gli spettatori devono comportarsi bene, perché, se ho capito bene, un giocatore può andarsene e gli altri andar via con lui. Non si può continuare con gli insulti.”

Da parte sua, il Milan ha risposto a tali dichiarazioni con un comunicato apparso sul proprio sito ufficiale, acmilan.com, nel tardo pomeriggio di ieri: “L’A.C. Milan ribadisce il proprio più fermo dissenso nei confronti di ogni forma di razzismo, comunque manifestata, e invita gli organi sportivi competenti, nazionali e internazionali, ad adottare e applicare ogni idonea ed efficace misura”.

Dunque, l’episodio di Boateng ha suscitato reazioni contrastanti tra gli addetti ai lavori: c’è chi pensa che il Boa abbia fatto bene a reagire in quel modo e chi pensa che abbia sbagliato. Da qualche parte si è sentito dire che, siccome Boateng guadagna un sacco di soldi, deve accettare anche queste cose. Noi chiediamo a coloro che affermano ciò questa cosa: se mentre voi lavorate viene qualcuno e vi insulta, voi cosa fate? Ve ne state con le mani in mano aspettando che finisca, oppure reagite? Bella domanda questa…vero?

Massimiliano di Cesare

Share Button