Sebastian Mongelli

Calciomercato Lazio, ultimatum a Lotito dell’agente di Zarate

Calciomercato Lazio, ultimatum a Lotito dell’agente di Zarate
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Zarate, vicino l'addio alla LazioROMA, 2 GENNAIO – Ecco le dichiarazioni che l’entourage dell’attaccante argentino ha rilasciato in un’intervista a TuttoMercatoWeb.com.

CHE LA GUERRA COMINCI – Che la Lazio e Zarate non fossero più in buoni rapporti lo si era capito, ma che la spaccatura tra società e giocatore/agente fosse inconciliabile no. Negli ultimi giorni dalla Turchia è arrivata un’offerta di 9,5 milioni di euro rispedita al mittente, il Fenerbahce, e a rifiutare questa volta non è stata la Lazio ma il giocatore che considera la squadra turca non al suo livello. Il Genoa invece è un’ideaUna buona squadra. Ma se andassimo direttamente al Genoa non faremmo una mossa intelligente. Non ci converrebbe, anche se essere cercati dal Grifone è un onore“. Perché? Non ci andiamo né a titolo definitivo e né in prestito ad un ingaggio ridotto, perché dovremmo farlo? Se poi dovesse arrivare una grande squadra pronta ad acquistare Mauro e girarlo al Genoa allora sì, potremmo pensarci. Ma oggi questa soluzione non c’è. Io ho girato l’Europa, non ci sono squadre interessate alle cifre che spara Lotito. Quindi ora comincia la guerra“.

ULTIMATUM – Premessa: niente prestito, perché non abbiamo intenzione di ritornare alla Lazio. Trattare con Lotito è difficile, poi ancora non ha capito che ha deprezzato un gioiello. Pensa che ancora valga tanto. La nostra posizione è chiara: o andiamo in scadenza di contratto e poi valutiamo oppure arriva il presidente abbassa le pretese e noi così avremmo la possibilità di valutare offerte di squadre pari o superiori alla Lazio“. E poi arriva l’ultimatum: Diamo a Lotito cinque giorni di tempo per abbassare il prezzo di Mauro, altrimenti andiamo in scadenza e saranno problemi suoi. Non ci lasceranno in questa situazione fino al 31 gennaio. Una cosa comunque è chiara: ovunque andrà, Mauro sarà amato e apprezzato dai tifosi della Lazio

FINO A SCADENZA – Quindi Zarate potrebbe decidere di andare a scadenza, e ciò significherebbe sedersi in tribuna o non essere neanche convocato per ben un altro anno e mezzo, l’argentino è sotto contratto fino a giugno 2014. Una scelta non proprio conveniente neanche per il giocatore, perchè da due anni e mezzo rende molto meno rispetto al primo anno in biancoceleste, e vivere altri 18 mesi da separato in casa non dev’essere proprio bello.

a cura di Sebastian Mongelli

Share Button