Modestino Picariello

Calciomercato Napoli: arrivi, partenze e la grana Cavani

Calciomercato Napoli: arrivi, partenze e la grana Cavani
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Napoli attivissimo sul mercato: si tentano di sistemare gli esterni e la difesa, ma una clausola permette a Cavani di partire in estate.

Il bomber del Napoli, Edinson Cavani

Il bomber del Napoli, Edinson Cavani

NAPOLI, 2 GENNAIO – Mercato in fermento in casa Napoli: tra affari già fatti, soprattutto in uscita, ritorni che sanno d’antico, ma soprattutto la grana Cavani che agita i sogni di molti all’ombra del Vesuvio.

PISTA CALDA NAPOLI-PALERMO – De Laurentiis e Zamparini avevano già programmato l’arrivo di Aronica alla corte rosanero all’inizio del calciomercato, puntualmente avvenuto. Adesso però la colonia partenopea in Sicilia potrebbe ulteriormente arricchirsi: pronto a dire addio al Napoli ci sarebbe anche Dossena, poco visto da Mazzarri, che in questo scorcio di stagione gli ha ripetutamente preferito un balbettante Zuniga. Il costo dell’operazione sarebbe di 1,5 milioni per un prestito oneroso con obbligo di riscatto a fine stagione, per un costo complessivo totale di circa 8 milioni. Al posto di Dossena arriverebbe, dall’Udinese, Armero: anche qui l’affare è a buon punto, e finalmente il Napoli avrebbe sulla fascia mancina un sinistro naturale (con conseguente spostamento di Zuniga in panchina, a lungo andare).

CAVANI E VICE-CAVANI – Intanto continuano i contatti per trovare un vice Cavani, ruolo che né Pandev né Insigne possono ricoprire e in cui Vargas è stato sostanzialmente bocciato. L’ultima voce sarebbe clamorosa: si sono intensificati i contatti con il Siena per avere Calaiò. Molte sono le perplessità sull’operazione, ma l’attaccante ora in forza al Siena avrebbe il vantaggio di conoscere già la piazza e di sapersi relegare al ruolo di riserva.

Ma iniziano ad esserci dubbi sul futuro dello stesso Cavani: Raiola apre uno spiraglio per il mercato estivo, elencando anche le squadre che potrebbero accogliere l’attaccante del Napoli, ma soprattutto spunta un difetto nella clausola rescissoria del giocatore, che proteggerebbe il Napoli solo fino al 10 agosto. A De Laurentiis il compito di sbrogliare la matassa, altrimenti l’eventuale addio di Cavani potrebbe costare ben più del previsto.

A cura di Modestino Picariello

Share Button