Walter Molino

Real Madrid, Mourinho sulla graticola: la solitudine dello Speciale One

Real Madrid, Mourinho sulla graticola: la solitudine dello Speciale One
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Calciomercato Real Madrid, Mourinho sulla graticola: la solitudine dello Speciale One

José Mourinho, allenatore del Real Madrid

MADRID, 24 DICEMBRE – Il feeling tra José Mourinho ed il Real Madrid è cominciato a destabilizzarsi dalla vittoria della Liga. Dopo quella data infatti il rapporto con il madridismo si è sempre più incrinato. Con i giornali ancora peggio. Nessuno in Spagna infatti, ha mai gradito il modo di giocare del portoghese. Il punto più basso si è toccato quando sabato il Real Madrid usciva sconfitto dalla Rosaleda per 3-2 contro il Magala, restando al terzo posto a 16 punti dal Barcellona.

CASO IKER – Indipendentemente dall’enorme ritardo che i blancos hanno dai rivali blaugrana in campionato, tengono banco altre questioni. Nella formazione titolare infatti contro il Malaga, per la prima volta dopo dieci anni, non figurava a difendere i pali Iker Casillas. Al suo posto il vice Adan. Mourinho si sarebbe giustificato che secondo il suo parere Adan fosse in condizioni migliori e meritasse di giocare. Casillas con la sua enorme professionalità si è seduto in panchina accettando la decisione, e non scatenando nessun polverone mediatico con qualche sua dichiarazione. Del resto non c’era bisogno, il polverone era già di proporzioni bibliche. Sergio Ramos si era però visto interdetto: “Iker è il capitano, credo che la sua titolarità non debba essere discussa“. Salvo poi affermare che il Mister fa le sue scelte. Nel dopopartita Mourinho ha rassicurato tutti, affermando che non si sarebbe dimesso. Anche Silvino, uno dei suoi assistenti ha ricordato che Mourinho ha un contratto fino al 2016 e lo rispetterà.

IL SONDAGGIO DI MARCA – Fosse per il tifosi del Real Madrid, ciò non accadrebbe. Il Giornale MARCA, vicinissimo al madridismo, ha pubblicato un sondaggio sul proprio sito, chiedendo ai tifosi se il Real Madrid dovesse esonerare Mourinho. I risultati non hanno veramente pietà per il tecnico lusitano. Ben 82 % di voti a favore del sì. Ciò fa capire come la pazienza della tifoseria Madrilena sia giunta al culmine. Quest’anno il Campionato è assolutamente compromesso, anzi bisogna lottare per arrivare almeno al secondo posto. Dalla stagione 2008/2009 i primi due posti della Liga sono affare di Barça e Real. Dato ben più preoccupante, è che il Real Madrid si piazza almeno secondo in campionato dalla stagione 2004/2005, altra pressione quindi su Mourinho. In Champions invece c’è subito l’ostacolo Manchester United agli ottavi, e all’ultimo incrocio con gli inglesi, sulla panchina dell’Inter l’allenatore blancos venne eliminato. Josè non è di certo un allenatore alla “Ferguson”, nella sua carriera, si annoverano due soli anni all’Inter, tre al Porto e 4 al Chelsea con esonero. Quasi certamente la sua avventura al Real Madrid si fermerà alla terza stagione, chissà se anzitempo.

a Cura di Walter Molino

Share Button