Orazio Rotunno

Calciomercato Milan Live: Per il Flamengo Robinho non rispettava il rapporto qualità-prezzo

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

-MILANO, 27 DICEMBRE – E’ Natale, e c’è chi sotto l’albero troverà sicuramente qualcosa pronto a renderli felici. Si tratta dei brasiliani del Milan, Pato e Robinho, che saluteranno il 2012 con la maglia vecchia rossonera, per indossare quella nuova del Corinthians e Santos. Galliani è già in Brasile, non “per lavoro e non per vacanza” afferma l’ad, e la missione è chiara. Tornare con 30 milioni cash e puntare tutto su uno fra Drogba e Balotelli.

ORE 09:30 EDUARDO BANDEIRA: “PER ROBINHO IL GIOCO NON VALEVA LA CANDELA” – Nella notte italiana, si è tenuta la cerimonia per l’insediamento del nuovo presidente del Flamengo che è Eduardo Bandeira de Mello. La cerimonia è stata ovviamente occasione per qualche domanda dei giornalisti che è virata su Robinho. Ma da adesso il Flamengo cambia politica: “Tutte le contrattazioni dovranno soddisfare il rapporto qualità-prezzo e Robinho non si inquadrava in questa nuova politica. Robinho è un giocatore straordinario, e mi sarebbe piaciuto vederlo in squadra ma non è stato possibile. Spero che sia felice altrove“. Queste sono state le parole del presidente, che ufficializzano la ritirata del Flamengo dalla trattativa.

ORE 08.15 UFFICIALE, DROGBA CONVOCATO PER LA COPPA D’AFRICA – Intanto uno degli obiettivi principali della dirigenza rossonera, l’ivoriano Didier Drogba, è stato convocato dalla sua nazionale per affrontare la Coppa d’Africa che si disputerà in Gabon a partire dal 19 gennaio.

28/12/2012 ORE 08.00 PISTA ROSANERO PER IL DOPO ROBINHO- Il Milan si cautela in caso di cessione di Robinho, destinato a lasciare l’Italia per approdare in Brasile, con il trequartista del Palermo Josip Ilicic. L’affare non sembra essere troppo complicato visto anche i buoni rapporti tra le due società. Proprio lo sloveno sembra essere il giocatore adatto, nel caso dovessero sfumare gli obbiettivi principali, a prendere il posto del fantasista brasiliano.

ORE 21:00 PATO: “O MI CEDETE AL CORINTHIANS, O ME NE VADO A ZERO NEL 2014” – Sebbene la vicenda Pato sembri essere praticamente conclusa, direzione Corinthians, il calciatore brasiliano sembrerebbe già aver perso la pazienza. Pato non vuole che la situazione degeneri come nel caso di Robinho, e avrebbe messo il club alle strette. Addirittura secondo Globoesporte, Pato ha minacciato la squadra rossonera di andarsene a zero nel 2014 (scadenza del suo contratto) nel caso in cui non venisse ceduto al Corinthians in questa campagna acquisti. A quel punto Pato potrebbe già firmare con qualche squadra il 1 Febbraio 2014, ma sono discorsi prematuri. Nonostante questa nota stonata, la vicenda dovrebbe concludersi senza problemi.

27/12/2012 ORE 12:00 GALLIANI SPERA NEL SANTOS… ROBINHO ANCHE! – Con il provvisorio ritiro del Flamengo dalla trattativa, il Santos rimane uno dei club più interessati al calciatore, dovendo verificare ancora il reale interesse dell’Atletico Mineiro. Se o Peixe vorrà ingaggiare Robinho, certamente dovrà subito mettere sul piatto i soldi necessari (almeno 10 milioni). Prima di ulteriori sviluppi, Robinho continua a spassarsela a Santos. Ieri sera il locale notturno che ha beneficiato della sua presenza si chiama Capital Disco. E il milanista ha fatto un vero e proprio show: ha cantato due canzoni con il cantante Thiaguinho e ad un certo punto ha anche mandato in delirio la folla gridando ad un certo punto: “Santos!”. Per concludere anche una foto con un tifoso Santista che aveva il logo del club tatuato in fronte. Espressione di Robinho? Sorriso a 32 denti e dito che indica il tifoso!

ORE 21:30 CORINTHIANS-PATO AFFARE QUASI FATTO – La missione Brasile, fronte Pato sembra essere decisamente più semplice e veloce. Il Corinthians ha ufficializzato la proposta per Pato e spera di annunciarlo già il 3 di Gennaio. Oggi Galliani ha pranzo con Duílio Monteiro Aves, direttore del Timão ed è stato un incontro molto produttivo al quale ha partecipato anche l’agente del calciatore Gilmar Veloz. Mancano i dettagli certi, ma l’offerta dovrebbe essere di 15 milioni di euro. “Per essere un primo incontro, è stato ottimo. Pato vuole giocare nel Corinthians, il Milan lo vuole vendere ed il Corinthians vuole comprare. Prima di chiudere mancano solo i dettagli burocratici come la forma del pagamento e la durata del contratto. Devo parlare ancora con il mio Presidente (Mario Gobbi ndr) e con Roberto de Andrade (DG ndr) e all’inizio di Gennaio ci riaggiorneremo con il Milan” ha affermato Duílio dopo l’incontro.

ORE 17:00 GALLIANI: “C’E’ ANCHE L’ATLETICO MINEIRO…” – La passeggiata di Adriano Galliani questa mattina per le spiagge di Rio De Jainero, ci regala un altro colpo di scena nella trattiva per Robinho. Non è più una corsa a due tra Santos e Flamengo, bensì per il Milanista si inserisce anche l’Atletico Mineiro. Un giornalista ha chiesto a Galliani se Robinho potesse andare al Santos, ecco la risposta dell’AD: “Può essere… Abbiamo però altre possibilità… Come l’Atletico Mineiro… Ma non posso parlare!”. La dirigenza do Galo non ha confermato la trattiva, ma a questo punto c’è da aspettarsi di tutto, anche azioni di disturbo tra i club brasiliani. Robinho in tal caso raggiungerebbe il suo ex compagno Ronaldinho a Belo Horizonte.

26/12/2012 ORE 11:30 LA NUOVA DIRIGENZA DEL FLAMENGO DICE NO – Incredibile colpo di scena nella notte italiana per l’affare Robinho. Dopo le prime riunioni tra Adriano Galliano e gli operatori di mercato brasiliani, ieri sera il Flamengo ha pubblicato un comunicato nel quale comunica di tirarsi fuori dalla trattativa. Ecco il comunicato: “Considerando le notizie pubblicate rispetto ad un possibile interesse della Nuova Dirigenza del Flamengo per ingaggiare Robinho, informiamo: 

1) Nel giorno 24, il futuro DG Wallim Vasconcellos insieme con il futuro responsabile delle relazioni esterne Flávio Godinho si sono riuniti con Adriano Galliani, rappresentante del Milan, con l’obiettivo di raccogliere informazioni sulle condizioni desiderate dal club rossonero per un possibile trasferimento del calciatore in Brasile.
2) In virtù di ciò che è emerso in questa riunione, abbiamo pensato bene, in questo momento, di non continuare la negoziazione per acquistare il calciatore.
3) Continueremo a lavorare per rinforzare seriamente l’organico. Non appena avremo notizie più concrete informeremo tutto il popolo rubro-negro.” Il problema è senz’altro il prezzo. I 10 milioni evidentemente sembrano essere troppi per l’Adidas, che non intende finanziare così tanto il club carioca. Il 2 Gennaio dovrebbe esserci un nuovo incontro, ma senz’altro la parola chiave del comunicato è “in questo momento”.

ORE 22:00 GALLIANI VUOLE ASPETTARE LA NUOVA DIRIGENZA – La giornata di Natale a Rio è stata abbastanza frenetica. Galliani dopo il pranzo, ha parlato con i giornalisti brasiliani. E per ora è tutto fermo. L’AD Rossonero vuole aspettare prima che la nuova dirigenza del Flamengo si insedi (ciò avverrà il 2 Gennaio). “Fino al 2 Gennaio il Flamengo non avrà la nuova dirigenza. Quindi fino a quel momento non possiamo risolvere nulla. Nel frattempo però potremmo incontrare qualche club di San Paolo, ma non sto dicendo che è già del Santos, sia chiaro”. Parole che potrebbero anche depistare giornalisti e dirigenze. Il Santos potrebbe tornare in campo, anche se gli argomenti economici più convincenti sembrano essere quelli carioca.

ORE 19:00 IL SANTOS SI TIRA FUORI – La Dirigenza del Santos ha fatto sapere oggi che non vorrà inserirsi in nessuna asta con altri club brasiliani. Detto ciò, è chiaro che l’interessa per Robinho viene dunque concretizzato in termini economici. Il Flamengo sarebbe arrivato a 10-12 milioni di euro grazie all’aiuto dell’Adidas, mentre il Santos non è disposto minimamente ad avvicinarsi a queste cifre. Già Robinho ieri affermò che il Flamengo era una grande squadra insieme al Santos, non ci saranno dunque problemi ad accettare il contratto con il club carioca, una volta superati i 100mila R$ di differenza tra richieste e offerta sull’ingaggio.

25/12/2012 ORE 10:00 ROBINHO A PRANZO CON GALLIANI  – Oggi tocca a Robinho; dopo l’incontro nella giornata di ieri tra il Flamengo e il dottor Galliani, quest’oggi, giornata di Natale, sarà la volta di Robinho che converserà con il vice presidente del Milan. L’incontro si terrà ancora una volta nell’appartamento di Galliani sempre a Leblon. In mattinata Robinho raggiungerà Rio da Santos in cui ha passato questi primi due giorni di vacanza. Nel frattempo però, il calciatore è stato avvistato, fonte UOL, nella notte della vigilia di Natale, mentre usciva dalla discoteca Bikkini Barista, proprio nella zona del centro di Santos, giusto per non farsi mancare niente. Il Flamengo intanto deve risolvere alcune controversie con i propri sponsor riguardo la modalità di pagamento di Robinho. In particolare è da verificare ancora la disponibilità dell’Adidas, che dovrebbe investire quasi il 75% del prezzo dell’operazione. Sarà decisiva comunque la volontà del calciatore, che verrà espressa molto probabilmente oggi. Anche perché il tempo stringe e Galliani nei giorni successivi deve volare a San Paolo per parlare con il Corinthians di Pato.

Ore: 23:00 IL FLAMENGO OFFRE 10 MILIONI – Il Flamengo adesso fa sul serio. Nell’incontro tenutosi il giorno della Vigilia di Natale nella residenza brasiliana di Adriano Galliani a Leblon (Zona Sud di Rio De Jainero) è stata formalizzata l’offerta. All’incontro hanno partecipato oltre a Galliani, anche il vice presidente del Flamengo Wallim Vasconcellos, il vice del marketing Luiz Eduardo Baptista e il vice delle relazioni esterne, Flávio Godinho. L’intenzione rubronegra è quella di spendere 7.5 milioni di euro grazie all’aiuto dell’Adidas. Mentre i restanti 2.5 milioni di tasca propria. L’ingaggio al calciatore sarebbe di circa 4,5 Milioni di euro annui, sempre con l’aiuto degli sponsor, tra cui SKY. La decisione del Milan dovrebbe arrivare entro la giornata di Santo Stefano, ma occhio al rilancio Santos.

ORE 17:30 ROBINHO: “SONO UN CALCIATORE DEL MILAN” – Robinho è stato intercettato poco fa dai microfoni di Globoesporte, proprio mentre si trovava in spiaggia a Santos per una partita con gli amici di di “futvolley” (calcio e volley insieme sulla sabbia). Robinho non ha voluto però confermare se lascerà il Milan e neanche si è espresso riguardo una sua preferenza tra Flamengo e Santos: “Tutto il mondo sa del mio affetto per il Santos. Sono cresciuto qui, ho una bella storia nel club. Il Flamengo anche è un grande squadra, ma nulla è deciso. Ho un contratto con il Milan è ancora tutto da vedere. Con il Milan non c’è nessun problema, non lo so se vogliono andarmene o no. Il mio futuro appartiene a Dio. Quello che è certo è che ho un contratto e sono del Milan“.

MARIO O NON MARIO, MEGLIO DROGBA – Se partissero entrambi so già su chi puntare“, questa la frase rilasciata da Galliani appena prima del suo volo oltre oceano. Proviamo a fare un attimo i conti in casa-Milan: 65 milioni in estate fra Ibra e Thiago, altri 30 oggi fra Pato e Robinho. Tralasciando i risparmi ultra milionari sui rispettivi ingaggi, di solo cartellino la società rossonera otterrà un assegno vicino ai 100 milioni di euro. Se “il primo pagamento” aveva portato a due sostituti corrispondenti al nome di Acerbi e Bojan, i tifosi rossoneri ora si aspettano decisamente di più. Ok risanare il bilancio, ma tutti quei soldi per un colpo importante in attacco non sono sufficienti? Arrivano anche le parole di Berlusconi, lapidarie e sintetiche prima su Drogbami piace tantissimo ma cerchiamo giovani, non serve gente fatta e finita” e infine su SuperMarioassicuro che non arriverà“. Tra i due, ad oggi, il meno impossibile sembra proprio Drogba. Perchè rihiede un impegno economico minore, considerano l’arrivo eventuale a costo zero, con un sacrificio sull’ingaggio messo in conto per un anno e mezzo. Con questa durata l’ivoriano si muove, altrimenti no grazie come già fatto sapere in casa-Juve. Un appeal mediatico che incarna perfettamente il blasone rossonero e i “piaceri” di Galliani e Berlusconi, oltre ad una reputazione ed esperienza mondiale che serve maledettamente al Milan. E soprattutto, può giocare la Champions. Cosa che il buon Mario non può fare, costa non meno di 30 milioni il cartellino nonostante non giochi mai nel City ed il suo carattere spaventa persino l’ambiente educatore milanista. Tra i due, ad oggi, Drogba è il favorito.

PATO E ROBINHO, NOSTALGIA CANAGLIA – Il Milan a uno li ha ridato una carriera in declino a soli 25 anni, uno scudetto da protagonista e nuova notorietà. All’altro li ha consegnato la fama, soldi ed anche una fidanzata. Eppure, grazie ed arrivederci: “mi manca il Brasile ed il mare carioca“. Robinho sarà un giocatore, nuovamente, del Santos per 10 milioni di euro anche se il Flamengo farà un ultimo e disperato tentativo. pato-Corinthians è oramai cosa fatta per 20 milioni, anche per voce del suo Presidente che dice di avere “sufficiente denaro per l’operazione“. L’Italia perde altri due pezzi importanti, si impoverisce ogni sessione di mercato di più, e rischia di ritrovarsi con sostituti nuovamente non all’altezza. Una rifondazione totale, ed un mercato globale sempre più in fermento. Ora i giocatori dall’Europa vanno ad affermarsi in Sud America e non il contrario. Potere dei soldi, voglia di casa e quell’ossessione dei Mondiali in Brasile. La saudade delle spiaggie dorate, del mare oceanico e della vita d’infanzia. Tentazioni forti, impossibili da respingere.

Buon Natale e felice anno nuovo tifosi milanisti da Pato e Robinho, e buon 2013. Dal Brasile.

Orazio Rotunno & Walter Molino

Share Button