Leonardo Andreini

Calciomercato Fiorentina: rebus Viviano, intanto stasera c’è l’Udinese

Calciomercato Fiorentina: rebus Viviano, intanto stasera c’è l’Udinese
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Per i viola sfida importante questo pomeriggio, ore 17.30 allo stadio Friuli,contro la formazione bianconera allenata dal tecnico Guidolin.

FIRENZE 19 DICEMBRE La Fiorentina che questo pomeriggio sfiderà il freddo e non solo si appresta a giocare contro la formazione bianconera allenata da mister Francesco Guidolin. La formazione dovrebbe prevedere qualche piccola modifica rispetto a quella vista in opera contro il Siena di domenica scorsa. Il rebus più importante resta quello legato al portiere. Da una parte chi finora non ha messo in mostra la sua indubbia qualità e dall’altra un giovane brasiliano di cui si dice un gran bene, ma che a Firenze ancora non è sbocciato. Stiamo parlando ovviamente di Viviano, nel primo caso, e di Neto nel secondo.

VIVIANO E IL RISCATTO Entrambi i portieri godono della stima del mister gigliato Montella. Emiliano Viviano, tifossisimo della Fiorentina e assiduo frequentatore, quando il calcio glielo permetteva della Curva Fiesole, è stato prelevato quest’estate dopo un’estenuante trattativa a tre fra i gigliati, il Palermo e l’Inter, detentrice di metà cartellino. Alla fine è prevalso il buon senso e Viviano è andato dove da sempre ha sognato di giocare. Il Palermo però non si è voluto privare del tutto del portiere e lo ha girato in comproprietà ai viola; prezzo per il riscatto circa 7 milioni di euro. La domanda quindi nasce spontanea fra i tifosi viola: è giusto spendere una cifra per un portiere che, fino ad ora, non ha fatto vedere niente di che e anzi, specie a Roma, ha condizionato con qualche errore grossolano il risultato finale? La risposta tarderà ad arrivare fino a giugno, mese in cui scade la comproprietà e le due società dovranno rimettersi al tavolo per evitare le buste.

AD UDINE NIENTE TURNOVER Lo ha, seppur indirettamente, detto persino Montella. “Vogliamo e possiamo arrivare un fondo a questa competizione”, parole pesanti quelle del mister che difatti schiera una formazione molto agguerrita. Neto fra i pali, difesa con Tomovic, Roncaglia e Rodriguez a sinistra non sarà del match Llama e quindi spazio al capitano Pasqual, sulla destra Cuadrado , centralmente Borja Valero, Mati Fernandez e Pizarro. Davanti Jovetic e probabilmente lo svizzero Seferovic.

A cura di Leonardo Andreini

Share Button