Massimiliano Riverso

Serie Bwin, il Cittadella vince al fotofinish con Schiavon. Dionigi verso l’esonero

Serie Bwin, il Cittadella vince al fotofinish con Schiavon. Dionigi verso l’esonero
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

REGGIO CALABRIA , 17 DICEMBRE – Allo stadio “Oreste Granillo” va di scena il primo posticipo del diciannovesimo turno cadetto, tra la Reggina di Davide Dionigi e il Cittadella di Foscarini. Partita posticipata rispetto alla programmazione iniziale causa impegno di Tim Cup dei calabri in quel di San Siro.

SARNO FUORI, FOSCARINI CONFERMA – Le scelte iniziali lasciano esterefatti i tifosi di fede amaranto con il tecnico emiliano, Davide Dionigi, che sulla scia di Brescia lascia fuori i pezzi pregiati, leggi Sarno, per un modulo, quale il 5-3-2 parecchio abbottonato. Resta fuori Facchin, nonostante la bella prestazione di San Siro, con la conferma di Baiocco. Davanti a lui estromesso dalla squadra titolare il gioiellino Ely mentre sull’out destro rientra D’Alessandro a discapito di Melara mentre in mezzo al campo resta fuori Rizzo per far posto al trio Barillà-Hetemaj-Armellino. In attacco Comi-Ceravolo il tandem offensivo. Il Cittadella, invece, conferma la formazione tipo tranne l’esclusione, per infortunio, del bomber Giannetti.

PRIMO TEMPO STERILE – Nella prima frazione di gioco Reggina e Cittadella danno vita a una gara poco emozionante che mette in risalto tutti i limiti della formazione padrona di casa, colpevole di non prender mai in mano il pallino del gioco in una partita da vincere assolutamente vista la classifica. Ma l’emozione è del Cittadella che dopo dieci minuti si divora il gol del vantaggio con Di Carmine. La Regina prova a rispondere con un po’ di casualità e poer poco non passa con una mischia in area dove, una palla vagante, non viene corretta in gol da Ceravolo.

SCHIAVON ALLO SCADERE – Nella ripresa la Reggina prova a vincere la gara con alcuni cambi: subito dentro Melara, poi la fantasia per Sarno ma a farne le spese è Ceravolo. Dionigi gioca presto la carta Fischnaller, Foscarini è più saggio: prima Coly che risulta decisivo con un salvataggio sulla linea, poi Paolucci che risulterà decisivo all’89’ quando, appena entrato, serve un pallone d’oro a Schiavon che prima si vede respingere da Baiocco poi, invece, insacca sulla corta respinta del portiere ex Siracusa. Cerca di rispondere subito Rizzato con un sinistro a giro ma Cordaz vola sotto l’incrocio a togliere le castagne dal fuoco.

Antonio Pavaglianiti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *