Nadia Gambino

Calciomercato Milan: Berlusconi scende in campo, tre colpi e Robinho

Calciomercato Milan: Berlusconi scende in campo, tre colpi e Robinho
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO 15 DICEMBRE – Il 16 dicembre il Milan compie 113 anni e in occasione di questo anniversario, alla triennale di Milano è stata allestita una mostra per onorare la storia del club più titolato al mondo e dei suoi campioni. All’appuntamento non poteva certo mancare il presidente Silvio Berlusconi, che ha scritto 27 anni di successi dei rossoneri. E in attesa del mercato di gennaio, il patron ha parlato di acquisti e cessioni.

Il Milan con la sua striscia positiva, ha rimontato in classifica, si è aggiudicata i quarti di finale in coppa Italia e gli ottavi di Champions League. La squadra smarrita e senza identità di inizio campionato, ha lasciato il posto ai nuovi idoli della curva, da El Shaarawy a Montolivo. Ma Berlusconi, parla di un Milan al top in Europa tra 2-3 anni, quando alla classe dei giovani si aggiungerà la forza di qualche colpo di mercato. Nel frattempo a gennaio servirà ad Allegri qualche ritocco ad hoc per puntellare la squadra.

La saudade di Robinho – Il brasiliano ha nostalgia di casa dopo tanti anni in Italia e non lo nasconde. Ma Berlusconi proverà a trattenerlo perchè vede in lui un campione di forza e fantasia. Balotelli, non arriverà di sicuro, troppo onerosi il cartellino e il suo ingaggio. E così il Milan punta gli occhi su Matri della Juventus, che sta trovando poco spazio in bianconero e che al Milan ritroverebbe Allegri dopo l’avventura al Cagliari. Occhi puntati anche su Armero dell’Udinese. I ben informati parlano addirittura di un affare già praticamente chiuso. Berlusconi però glissa sull’argomento parlando solo di qualche innesto per il momento misterioso. L’intento infatti sembra quello di trattenere Robinho almeno fino a fine stagione. Poi per il campione brasiliano si prospetterà un ritorno al Santos.

Niente colpi a centrocampo – Nessun ritocco a centrocampo dopo l’infortunio grave a De Jong. Che verrà sostituito da Muntari e da Strasser. “la mediana è completa e non ci saranno acquisti in quel ruolo” assicura Berlusconi.

Il Milan un mito – Berlusconi parla poi della sua avventura con il Milan : “ una storia d’amore lunga 27 anni fatta di successi e gloria. Il Milan è un mito e io ho contribuito a farlo diventare il club più titolato al mondo”.

Nadia Gambino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *