Vincenzo Galdieri

Juventus-Cagliari 1-0: Giovinco maturo, Padoin inesauribile. Le pagelle

Juventus-Cagliari 1-0: Giovinco maturo, Padoin inesauribile. Le pagelle
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Brillano i centrocampisti Padoin e Pogba, Ibarbo fantasma

JUVENTUS

BUFFON 6 – Serata di assoluta tranquillità. I sardi non lo impensieriscono nemmeno una volta.

BARZAGLI 6,5 – Conte non lo risparmia e lui risponde bene, guidando il reparto con la consueta autorevolezza e senza risparmiarsi nemmeno un po’.

BONUCCI 6,5 – Vedi sopra. Con in più qualche intervento di livello assoluto a sbrogliare qualche situazione intricata.

MARRONE 6 – Si adatta in maniera volenterosa disimpegnandosi in un ruolo non suo. Nessuna sbavatura.

DE CEGLIE 5,5 – E’ la sua occasione, ma non riesce a sfruttarla. Si vede che non gioca in fiducia. Non affonda mai, gli unici cross provengono dalla tre quarti e sono facilmente prevedibili per la retroguardia avversaria.

PADOIN 6,5 (IL MIGLIORE) – Inesauribile. Avanti ed indietro, indietro ed avanti. Fa capire che in questa Juve ci può stare: più di un onesto gregario, è un rincalzo di qualità per i titolari nonostante il nome non altisonante non lo agevoli.

VIDAL sv – Non è al meglio, ma gioca perchè Giaccherini s’è infortunato nel pre partita. La maledizione dell’infortunio in Coppa Italia però si abbatte pure su di lui. Dal 16′ ASAMOAH 6 – Si limita al compitino, conservando energie per il campionato. Plausibile per uno che tira la carretta da mesi e che si aspettava una tranquilla serata in panchina ad osservare i suoi compagni.

POGBA 6,5 – La solita, ottima personalità. Dirige l’orchestra con ordine, nessuno squillo alla Pirlo ma grande attenzione ed abnegazione. Ennesima prova incoraggiante.

ISLA 5,5 – La ri-esplosione di Lichsteiner lo ha retrocesso di nuovo a rincalzo, e la Coppa Italia è una chance importante per guadagnare posizioni in gerarchia: evidentemente non se ne avvede appieno, perchè si limita ad appoggi elementari senza mai provare a scardinare la difesa avversaria.

BENDTNER 6 – Sembra più in palla del solito e s’impegna tantissimo per segnare il primo gol in Italia. Ma portiere, sfortuna e mira sbagliata gli dicono di no. Poi s’infortuna ed è costretto ad uscire. Dal 45′ MATRI 6 – Cosi cosi, la via del gol ormai per Alessandro sembra qualcosa di alieno. Deve ritrovare se’ stesso, intanto s’impegna come sempre senza riuscire a sbloccarsi. Conte crede in lui, ma è arrivato il momento di dare risposte.

GIOVINCO 6,5 – Primo tempo senza infamia e senza lode, nella ripresa si sveglia e fa quel tanto che basta per far si che la Juve porti a casa vittoria e qualificazione. Gol di buona fattura, poi qualche strappo ed un paio di buoni palloni tenuti per far rifiatare la squadra. Sta crescendo.

All.CONTE 6,5 – Anche con la squadra imbottita di seconde linee riesce a vincere senza problemi. Gli infortuni di Giaccherini e Bendtner sono frutto della sfortuna, ma con Vidal forse bisognava usare un po’ più di accortezza dato che non era al meglio. Comunque la Juve va, e gioca bene abbastanza per soddisfare lo Stadium. Ai quarti troverà la vincente di Milan-Reggina: ma adesso bisogna pensare subito al campionato.

CAGLIARI

AVRAMOV 6,5 – Bravo su Bendtner e Giovinco, poi la Formica Atomica lo punisce. Incolpevole, esce a testa alta.

MURRU 6 – Tiene bene a bada il proprio dirimpettaio.

PERICO 5,5 – Un po’ in difficoltà contro Giovinco.

ROSSETTINI 6 – Se la cava con l’esperienza.

DEL FABRO 6 – Buona la sua prova, controlla bene la zona di competenza.

EKDAL 5,5 – Ha voglia di spaccare il mondo contro la sua ex squadra, finisce per non essere incisivo. Dal 46′ DESSENA 6,5 – E’ uno dei pochi a provarci, sebbene con scarsi risultati.

ERIKSON 5 – La sua gara è un mix di falli ed imprecisioni. E’ giovane, avrà serate migliori.

IBARBO 5 – La copia sbiadita del giocatore straripante ammirato l’anno scorso.

THIAGO RIBEIRO 6 – Gestisce con intelligenza molti palloni, agendo quasi da trequartista. Però non incide nemmeno lui.

CEPPELLINI 5 – Movenze interessanti, buona tecnica, ma complessivamente corpo estraneo per quanto attiene alla manovra offensiva. Occasione sfruttata non benissimo. Dal 76′ PIREDDA sv 

PINILLA 6 – Ci mette tutto l’impegno possibile, ma il gol proprio non vuole arrivare.

All. PULGA LOPEZ 6 – Disegnano una squadra ordinata ed attenta. Sette dal punto di vista tattico, cinque da quello motivazionale: il Cagliari visto ieri sembrava quasi rassegnato alla sconfitta.

A cura di Vincenzo Galdieri 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *