Walter Molino

Copa Sudamericana, Pareggiano 0-0 Tigre e San Paolo nella Finale d’andata

Copa Sudamericana, Pareggiano 0-0 Tigre e San Paolo nella Finale d’andata
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Luis Fabiano, attacante del San Paolo

Luis Fabiano, espulso al 14°

BUENOS AIRES, 06 NOVEMBRE – La partita di andata della Finale di Copa Sudamericana edizione 2012 tra Tigre e São Paulo finisce in parità con il risultato di 0-0. Alla Bombonera poche emozioni e troppo agonismo. Luis Fabiano al 14° si fa espellere dopo aver tentato di colpire Donatti con un calcio, e il suo San Paolo ne risente specie in attacco. Tra una settimana si giocherà la partita di ritorno, a questo punto decisiva, al Morumbi in casa dei Brasiliani.

FOLLIA FABULOSA – La partita si gioca alla Bombonera, essendo lo stadio del Tigre troppo piccolo per ospitare partite internazionali secondo la CONMEBOL. Non si fa attendere il club Paulista: proprio al 2° minuto occasione per Lucas il cui tiro è ancora fiacco. Anche al 4° minuto è il Tricolor a dare fastidio nell’area avversaria ma O Fabuloso si ritrova in posizione troppo defilata per impensierire Albil che in due tempi riesce a bloccare. L’inizio del club di Franco è senz’altro più convincente, con il club argentino che non riesce a prendere le misure degli avversarsi facendosi schiacciare con troppa facilità. Al 14° è già duplice cartellino rosso per Luis Fabiano e Donatti. Di solito le risse tra Argentini e Brasiliani sono quasi scontate, ma non nel primo quarto d’ora. Discussione tra Lucas e Donatti, Luis Fabiano interviene per dividere i giocatori ma finisce per avere una discussione con il difensore argentino. L’ex Siviglia dà un calcio a Donatti pur senza colpirlo, ma il difensore centrale rossoblù, da consumato attore di teatro, cade a terra simulando. Antonio Arias, arbitro della partita, li manda entrambi fuori. Diventa più difficile ora per Osvaldo e Lucas, che non hanno più un terminale offensivo là davanti. Infatti gli uomini del Tigre adesso possono chiudersi più facilmente, dando la possibilità ai brasiliani solo di tentativi dalla distanza, come al 27° quando Denilson costringe Albil a mettere in corner. Primo tentativo per gli Argentini che arriva al 42° con il tiro alto di Díaz. Anche Ferreira due minuti dopo ci prova con un grande tiro dalla distanza ma Ceni controlla la traiettoria del pallone, che è in realtà di molti metri errata. Prima del descanso altro giallo in area di rigore. Paparatto colpisce Rafael Toloi con la mano sinistra a mò di pugno, l’ex Goias cade a terra ma l’arbitro non vede e si prosegue.  Nella prima frazione, la squadra fuori casa è sembrata senz’altro il Tigre, anche se bisogna ricordare che i goal in trasferta in finale di questa competizione non valgono doppio.

POCHE OCCASIONI – Nessun cambio all’intervallo con la solita atmosfera surriscaldata, Wellington e Galmarini stavolta discutono per un pallone, ma tutto si risolve per il meglio. Pericoloso il Tigre al 52° quando Echeverría con un bel gioco di gambe si libera in area di rigore, ma il suo cross ravvicinato viene messo in calcio d’angolo. Ogni mischia in area di rigore è pericolosa, con chiunque che sgomita e sbraccia. Primo quarto d’ora nettamente negativo per il San Paolo, ed è proprio al 60° che Franco decide di inserire una punta di ruolo, Cicero, al posto di Jadson. Nella potenziale migliore occasione per i Paulisti, l’errore del singolo condiziona tutto. Osvaldo controlla il pallone in attacco, la difesa argentina è completamente spaccata e ci sarebbe stato un varco per servire Lucas, ma il suggerimento dell’omonimo calciatore della Roma, è troppo corto, e l’azione si tramuta in un nulla di fatto. Al 75° ci prova Maggiolo spizzando di testa, ma ci vuole ben altro per impensierire lo 01 Brasiliano. All’81° fiammata di Lucas che supera diversi avversari, ma il suo cross non viene raccolto da nessuno, Cicero era troppo avanzato. Ancora occasione San Paolo all’85° per Osvaldom che in seguito ad un calcio d’angolo prova la conclusione in area di rigore, splendidamente servito da Lucas, ma il suo tiro viene rimpallato dalla difesa. Il nuovo entrato del Matador, Fatcla, ha un’ottima occasione all’88° ma il suo tiro viene deviato provvidenzialmente da Rhodolfo in calcio d’angolo. Merito al Tigre che ha comunque chiuso in attacco con una serie di calci d’angoli. L’attacco San Paulista è stato comunque troppo sterile, Lucas nel secondo tempo ha acceso ogni tanto qualche lampadina ma è stato decisamente troppo poco. Ganso non è stato impiegato, sicuramente non era la sua partita per via del troppo agonismo. Tra una settimana al Morumbi si ricomincerà da capo, sperando di vedere più gioco, più occasioni e più spettacolo.

LE FORMAZIONI

TIGRE (4-4-2): Albil; Paparatto, Donatti, Echeverría, Orban; Galmarini, Ferreira, Leone, Díaz; Botta, Maggiolo. Allenatore: Gorosito

SÃO PAULO (4-3-3): Ceni; Miranda, Toloi, Rhodolfo, Cortez; Wellington, Denilson, Jadson; Lucas, Luis Fabiano, Osvaldo. Allenatore: Ney Franco

a Cura di Walter Molino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *