Enrico Steidler

Richard Nieuwenhuizen, the show must go on

Richard Nieuwenhuizen, the show must go on
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Richard Nieuwenhuizen guardalinee ucciso in Olanda

Richard Nieuwenhuizen

Vorrei fare una piccola notazione a margine del mio articolo di ieri (Orrore in Olanda: guardalinee ucciso a calci e pugni da tre giocatori sedicenni) e soffermare brevemente l’attenzione non tanto sulla gravità del fatto in sé, quanto sugli innumerevoli tentativi di ridimensionarlo che si nascondono fra le righe di una facile e stonata indignazione.
Persino dopo un fatto di così rara ripugnanza non possiamo fare a meno di notare, e di restarne per l’ennesima volta nauseati, l’indecorosa velocità e i modi preconfezionati con i quali l’industria del calcio (e il suo indotto, di cui noi giornalisti siamo troppo spesso i complici più o meno inconsapevoli) tende a rimarginare le sue ferite, prima cospargendole di parole di circostanza che hanno il potere lenitivo e cloroformizzante della banalità, e poi suturandole in silenzio, lontano dai microfoni e dai riflettori.
Tra qualche giorno, a esequie celebrate, nessuno parlerà più di Richard Nieuwenhuizen, e la muffa crescerà rigogliosa su tutti i proclami e le manifestazioni di solidarietà da un tanto al chilo che siamo stati costretti a sorbirci nell’immediatezza del fatto.
Si tratta, in fondo, e lo sappiamo tutti, del solito cover-up, del buon vecchio insabbiamento mediatico che qui non ha lo scopo di nascondere la triste realtà – sarebbe impossibile – ma quello più sottile di “relativizzarla”, di renderla in qualche misura comprensibile e assimilabile, in modo da favorire (e accelerare) il transito della vergogna dal mondo del calcio a quello dell’oblio.
Così, se è vero che il problema di questo sport non è, come dice Blatter, quello di riflettere i difetti della società che lo circonda, ma semmai quello di non rifletterne (o quasi) le virtù e i valori (eccezion fatta per quelli quotati in Borsa), è ancor più vero che l’impressionante quantità di parole logore e stantie che sono state sprecate in questa come in altre orribili circostanze, rischia di intontirci e di rammollirci al di là di ogni limite tollerabile dalla nostra intelligenza e, soprattutto, dalla nostra coscienza.
Queste parole, che provengono sempre da chi dovrebbe averne ben altre (politici, ministri e ministre, alti dirigenti di Società e Nomenklatura, autorevoli opinionisti e così via) scorrono su di noi come acqua sull’olio, come le lacrime delle vittime e dei loro familiari scivolano sui liquami di un’industria – quella del calcio – che non ferma la produzione solo perché ne scaturiscono scorie tossiche (gli accoltellamenti, gli agguati nei bar, gli striscioni schifosi, la corruzione dilagante, ecc., ecc.) o addirittura letali.
Lo scopo di queste parole, infatti, non sembra essere quello di soffermarsi nelle nostre coscienze, ma quello, assai meno nobile, di stendervi sopra un velo rassicurante e al tempo stesso soffocante. Perché, si sa, show must go on, lo spettacolo deve continuare, anche facendosi largo fra feriti e cadaveri, se necessario.

Ok. Ma se lo spettacolo deve continuare, e continuare così, cerchiamo almeno noi, nel nostro piccolo, di dare un senso a una cosa che non ne ha alcuno, al di là e al di sopra dei lutti al braccio di plastica, dei minuti di silenzio (che si riducono a pochi secondi di applausi fuori luogo) e di chi “coraggiosamente” invoca una condanna dura ed esemplare per tre ragazzi che dovranno convivere con un assassino per il resto dei loro giorni: cerchiamo, quindi, di ricordare il volto sorridente di Richard Nieuwenhuizen, di ricordarlo per sempre, e di conservarlo dentro di noi non come un muto santino, ma come una viva e vivida icona civile, capace di illuminarci, di incoraggiarci e di parlarci con parole molto diverse da quelle di Blatter. E’ il modo più semplice, credo, e più sincero, di fare un po’ di luce in tutta questa oscurità.

Enrico Steidler

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *