Redazione

Calciomercato Milan, Balotelli in rossonero non è utopia. Parola di Berlusconi

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Anche Berlusconi si è espresso in prima persona riguardo il possibile acquisto di Mario Balotelli, che non sembra affatto un sogno irraggiungibile

Silvio Berlusconi, patron del Milan

MILANO, 5 DICEMBRE – Quando Berlusconi parla la cassa di risonanza è enorme. E ieri sera, in occasione di Milan-Zenit, partita persa per 1 a 0 dai rossoneri, il presidente era in tribuna. Ultimamente sembra rientrato a pieno regime nelle vicende della squadra, è spesso a Milanello e sempre a San Siro, sintomo del fatto che ora è più vicino al Milan, come qualche anno fa.

Anche se era in programma il match di chiusura del girone di Champions, con il Milan già qualificato agli ottavi i giornalisti hanno preferito stuzzicare Berlusconi sul mercato.

SOGNO O E’ BALO? – La domanda regina non poteva che essere: “E Balotelli? Solo un sogno?”, e così è stato. Il presidente ha risposto con un semplice “Io non sogno mai”, uscendo dal Meazza a fine partita. Parole interpretabili, ma sembra chiara l’intenzione di portare SuperMario a Milano, a vestire quella casacca che Striscia era già riuscita a fargli indossare. Balotelli è una pedina sacrificabile per Mancini e il suo City, soprattutto ora che si è conclusa la bruttissima campagna europea dei Citizens, che non hanno centrato neanche l’Europa League.

Sarebbe un gran colpo di mercato, il ragazzo piace agli addetti ai lavori, Galliani e Allegri in primis. Proprio l’ad rossonero ha definito il possibile affare Balotelli come “una questione sentimentale“, che calcolatrice alla mano passerà eventualmente solo da cessioni, almeno 4 o 5. Sotto questa voce non figurerà Robinho che, parole dello stesso Berlusconi, resterà al Milan.

Manca meno di un mese all’apertura della finestra di mercato invernale, e il Milan pare intenzionato a piazzare un colpo importante per aggiustare una stagione che nonostante gli ottavi in saccoccia, era iniziata male soprattutto in campionato, dove non si può contare solo sui gol di El Shaarawy e caricare su di lui tutto il peso della squadra.

Simone Calucci
Twitter: @simoclx

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *