Fabio Pengo

Champions: Montpellier-Schalke 1-1, Olympiakos-Arsenal 2-1

Champions: Montpellier-Schalke 1-1, Olympiakos-Arsenal 2-1
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

FRANCIA-GERMANIA, 4 DICEMBRE – Girone B di Champions League che ci ha riservato qualche sorpresa con Arsenal e Schalke 04 che sono state protagoniste di uno scontro a distanza. Lo Schalke 04 nonostante il vantaggio subisce il pareggio, mentre l’Arsenal si fa addirittura rimontare dall’Olympiakos. Il Girone B decreta il passaggio di turno per Schalke e Arsenal – prima e seconda – e Montpellier ed Olympiakos destinate ai sedicesimi di finale in Europa League.

MONTPELLIER-SCHALKE 04   1-1
Lo Schalke dovrebbe vincere per confermare il suo primato sull’Arsenal distante un solo punto ma è il Montpellier ad avere il pallino del gioco con Herrera che in dieci minuti di gioco produce tre conclusioni che però non inquadrano lo specchio della porta; la compagine ospite si affaccia in area francese solo al 39′ con il colpo di testa di Neustadter che sorvola la traversa. Secondo tempo che cambia totalmente l’economia della partita; il Montpellier continua ad attaccare con il solito Herrera ma è la squadra ospite a passare in vantaggio con il colpo di testa di Howedes al minuto 56. Neanche tre minuti dopo la squadra francese agguanta il pareggio con Herrera, motore della squadra questa sera. Lo Schalke si limita a contenere gli avversari senza rischiare di avventurarsi in attacco sino al triplice fisschio.

Montpellier (4-2-3-1): Ligali; Congrè, Yanga-Mbiwa, Hilton, Bedimo; Stambouli, Estrada; Mounier, Cabella, Camara; Herrera.
Schalke 04 (4-2-3-1): Hildebrand; Uchida, Howedes, Metzelder, Kolasinac; Holtby, Neustadter; Pukki, Barnetta, Draxler; Marica

OLYMPIAKOS-ARSENAL   2-1
Partita simile a quella che si sta giocando in contemporanea in Francia con l’Olympiakos che è riuscito ad impensierire il portiere dei gunners Szczezny con Abdoun, Manolas e Machado che non hanno permesso alla difesa inglese di ripartire ed impostare il gioco ma quando l’Arsenal riparte fa male: al 38′ Gervinho si rende protagonista di uno splendido break sulla trequarti di campo, si allarga sulla destra e serve al centro Rosicky che di piatto destro realizza il gol dello 0-1. Gol pesante che permette temporaneamente ai gunners di occupare la prima posizione nel girone. Nella ripresa la partita si vivacizza con la squadra greca che raddoppia gli sforzi e trova il pareggio con Maniatis intorno all’ora di gioco. Ma è al 73° minuto che avviene il vero colpo di scena con il raddoppio della formazione di casa con Mitroglou. Wenger manda in campo Arshavin che si fa sentire subito con un paio di conclusioni velenose. Nonostante gli sforzi dei gunners di trovare il pareggio il risultato non si schioda dallo 2-1.

Olympiakos (4-3-3): Carroll; Diakite, Manolas, Contreras, Torossidis; Pualo Machado, Maniatis, Fejsa; Greco, Djebbour, Abdoun.
Arsenal (4-3-3): Szczesny; Jenkinson, Squillaci, Vermaelen, Meade; Coquelin, Rosicky, Ramsey; Chamberlain; Chamakh, Gervinho

Fabio Pengo

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *