Redazione

Serie B, 17° Giornata: la capolista frena, le inseguitrici accelerano

Serie B, 17° Giornata: la capolista frena, le inseguitrici accelerano
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il Sassuolo pareggia, il Verona perde ed il Livorno vince

ROMA, 4 DICEMBRE – E’ stata una giornata scoppiettante la 17° del Campionato italiano di Serie B: in testa il gruppo si compatta creando un piccolo vuoto rispetto al gruppo delle inseguitrici.

La prima sorpresa è sicuramente il pareggio del Sassuolo in quel di Bari: neroverdi in vantaggio con Missiroli, che sembrano controllare la gara, ma poi i Galletti in due minuti raggiungono e sorpassano il Sassuolo portandosi sul 2-1, grazie alla reti di Polenta e Galano. Passa appena un minuto ed è Catellani a rimettere in equilibrio il risultato. Nel secondo tempo il Bari passa di nuovo in vantaggio, ancora con Galeano, il Sassuolo non ci sta e pareggia nuovamente i conti con Terranova su azione di calcio d’angolo. La capolista avrebbe anche l’occasione, ben due, di portarsi sul 3-4, ma Pavonetti in entrambe le occasioni spreca. Finisce dunque 3-3, con un pirotecnico pareggio. La prima delle due inseguitrici, il Livorno, fa un solo boccone del fanalino di coda Grosseto, vincendo 4-0 il derby toscano: Paulnho, Siligardi, Meola e Bellinghieri mettono la firma sulla gara. Cade invece, ancora una volta, l’Hellas Verona di Mandorlini, e lo fa nell’extra time dei due tempi: al 46’ del primo tempo è Daprelà a cambiare l’inerzia della gara, mentre nel recupero del secondo tempo è Scaglia a chiudere i giochi.

Un Padova sprecone e fortunato pareggia in casa con l’Ascoli: ospiti in vantaggio con Soncin a 8 minuti dal termine, patavini che riacciuffano la gara al 92’ grazie alla rete di Raimondi, su una grave errore del portiere ascolano. Bella vittoria del Varese, che si aggiudica il match con la Ternana grazie alla rete di Ebagua e fa un bel balzo in classifica. Come il Padova, anche il Modena è fortunato, perché riesce a spuntarla sul Novara, che non riesce a fermare quest’emorragia di sconfitte, solo al 94’ con un gol di Ardemagni.

Perde un po’ di terreno la Juve Stabia, che in casa non riesce ad andare oltre il pareggio con il Cittadella: ospiti in vantaggio con Pellizer dopo appena 4 minuti, padroni di casa che riagguantano il risultato grazie ad un gran gol di Caserta al 20’. Altro pareggio rocambolesco, come quello della capolista, avviene tra Empoli e Spezia: gli aquilotti vanno in vantaggio con il bomber Sansovini, salvo poi farsi recuperare dalla rete di Saponara e passare di nuovo in vantaggio ancora con Sansovini. Nella ripresa, da un errore difensivo scaturisce il rigore, conquistato e realizzato da Tavano, che fissa il punteggio sul 2-2 finale.

Nel Monday night, Reggina e Crotone pareggiano 1-1: il derby calabrese viene sbloccato dal Crotone che va in vantaggio con De Giorgio, ma al 75’ è Comi su rigore a riequilibrare il risultato. Riesce a fare un piccolo passo in avanti anche la Pro Vercelli di Camolese che la spunta 2-1 con il Vicenza: la vittoria è firmata da Scavone e Tiribocchi che realizza un rigore: a nulla è valso il gol di Giandonato al ’92. Infine, anche Lanciano e Cesena si spartiscono la posta in un gara che ha dell’incredibile. I romagnoli vanno sul doppio vantaggio grazie alla doppietta di Succi e sembrano avere in mano la partita, con un Lanciano che combina poco. Proprio in quel momento arriva la splendida rete di Fofana che in sforbiciata trafigge l’incolpevole Belardi e dà animo alla squadra abruzzese. Al 45’ è ancora Succi per il Cesena a ristabilire le distanze ed a firmare la tripletta personale. I frentani però non demordono e prima accorciano le distanze con Falcone su rigore e poi pareggiano al 91’ con Falcinelli.

La classifica, dopo la 17 giornata, è la seguente: Sassuolo 39; Livorno 38; Hellas Verona 32; Brescia, Padova e Varese 26; Modena e Juve Stabia 25; Cittadella ed Empoli 22; Spezia 21; Bari 19; Crotone, Ternana ed Ascoli 18; Vicenza 17; Cesena 16; Reggina 15; Virtus Lanciano e Pro Vercelli 14; Novara 10, Grosseto 8.

Massimiliano di Cesare

 

 

 

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *