Redazione

Calciomercato Napoli: un vice per Cavani? Non solo Floccari

Calciomercato Napoli: un vice per Cavani? Non solo Floccari
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Napoli non conosce crisi. Spazzato via anche il Pescara (5-1) nell’anticipo domenicale delle 12.30.

La troupe di Mazzarri si posiziona così alle spalle della Juventus a soli due punti dai bianconeri.

Che i partenopei fossero l’anti Juve lo si era ormai già capito da un pezzo. Ad oggi il concetto è ancor più eclatante guardando ad Inter, Fiorentina e Lazio che inseguono ma non convincono appieno. Anche se la lotta per qualsiasi risultato resta apertissima, il Napoli sembra fruire di un organico sempre più in palla e di una preparazione tecnica e atletica di gran lunga migliore rispetto a quella delle contendenti.

PUNTARE PIU’ IN ALTO 

Resta l’imperativo incondizionato di Mazzarri per conquistare il trono ed imporre la totale egemonia. Il Mister ne ha per tutti alla fine del primo tempo col Pescara. Nonostante il vantaggio rimprovera la squadra di poca concentrazione. Segno che l’esame Inter è imminente.

EDINSON CAVANI

Più che un animale è un cannibale dell’area di rigore (fra campionato e coppe 17 gare giocate e 17 gol). Domenica con un po’ più di fortuna avrebbe potuto realizzare altri tre centri. Importantissimo e fondamentale, Cavani è il punto di riferimento nello scacchiere della squadra. Quando manca, Mazzarri deve reinventare tutto. E si sa, Napoli non è Napoli se non c’è movimento. A parte la questione allenatore (sempre aperto e frizzante il rapporto Mister e Presidente) El Matador ha già chiesto un aumento d’ingaggio a De Lurentiis che, indignato, ha risposto picche. Ma l’attaccante conosce alla perfezione il proprio valore. Chi lo vede con le valigie pronte già a gennaio esagera (meglio far lievitare il prezzo a fine stagione e farsi tentare dagli sceicchi), ma quasi sicuramente l’attaccante non avrà la possibilità di raggiungere prossimamente il record delle 115 reti messe a segno da un certo Maradona (83 i gol fino ad ora realizzati da Cavani con la maglia del Napoli).  Tutto sarà possibile a fine torneo anche se l’uruguayano ha un contratto che lo lega alla società fino al 2017. In pole per accaparrarsi le sue doti ci sono il City di Mancini ed il Chelsea di Abramovich. E’ quasi impossibile che resti in Italia dove il suo cartellino costa troppo (ci aveva già pensato la Juve).

FLOCCARI

Sembra la prima scelta del Napoli per far rifiatare il reparto offensivo partenopeo, ma l’attaccante laziale, che in estate ambiva all’Inter e che adesso è in rotta con Lotito, vuole comunque restare alla Lazio. La pista resta sempre aperta. De Laurentiis chiede il prestito, mentre Lotito lo vuole vendere a titolo definitivo per 5 milioni di euro. Il Presidente partenopeo penserebbe all’acquisto (il 31enne laziale piace molto a Mazzarri) solo in vista di aggiustare il contratto con il proprio allenatore.

NON SOLO FLOCCARI

Se De Laurentiis non pensa certo a rimpinguare le tasche di Cavani deve preoccuparsi (Mazzarri lo pretende) comunque di trovare una soluzione in avanti e in alternativa alla pista Floccari. Matri non rientra nei piani e Giovinco è incedibile.

Nel mirino sono finiti Floro Flores (attaccante napoletano di nascita) dell’Udinese in prestito al Granada (possibile scambio con Vargas) e soprattutto il cileno Pinilla che a Cagliari non ha ancora trovato la giusta dimensione. Qui stessa storia di Floccari. Cellino chiede cash mentre De Laurentiis pretende il prestito.

Resta una chimera il colombiano dell’Udinese Muriel (già cercato in estate), mentre gli occhi restano sempre puntati sull’ivoriano Bony, 24enne attaccante del Vitesse che nel campionato olandese ha già realizzato 15 gol in 14 gare ufficiali.

Nicola Di Ciomma

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *