Redazione

L’Inter vince ma il 2-1 non basta: passa l’OM

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO, 13 MARZO – L’Inter è fuori dalla Champions League. Non è bastato il 2-1 finale per permettere ai nerazzurri di approdare ai quarti di finale. Ci andrà l’OM che ha sicuramente demeritato nell’arco dei 90′ di San Siro. Deschamps, pur perdendo, vince ancora una volta il suo duello personale con Ranieri e dimostra di essere la sua bestia nera.

PRIMO TEMPO SPEZZETTATO – L’Inter, spinta dai 70.000 cuori pulsanti di San Siro, parte a stromba tutto: Zanetti dalla destra, si stacca ed entra in area servito da Forlan, mette in mezzo e una deviazione favorisce Sneijder, che a botta sicura centra Mandanda a porta spalancata.  Tre minuti più tardi, precisamente al 10′ Stankovic da Sneijder a destra, palla in mezzo ma Milito di fronte alla porta colpisce di petto e facilita l’intervento di Mandanda. Il portiere dell’OM ringrazia. Il Marsiglia si rende conto che l’Inter di stasera è la lontana parente di quella vista in Francia e decide, aiutats da una terna arbitrale compiacente, di non fare nulla per stare in piedi. Il gioco è spezzettato e l’arbitro assegna solo due minuti di recupero. Nel finale di tempo, Maicon innesca con un cross Forlan che  si rende pericoloso con un colpo di testa.

UN TIRO, UN GOL – Scendono impauriti gli uomini di Ranieri e i primi minuti sono tutti all’insegna dei francesi, che tuttavia non impensieriscono Julio Cesar. In mezzo al campo c’è un giocatore che zoppica: è Sneijder. Ranieri decide di comune accordo con l’olandese di sostituirlo con Obi. Per di più fuori Forlan per Pazzini. L’Inter con il 4-4-2 è una squadra più accorta, più dinamica, più pericolosa. I francesi resistono agli attacchi dei nerazzurri fino al 75′:  da un corner sporcato Lucio trova Pazzini, si immola la difesa francese, poi Milito torna sulla palla e finalmente trafigge Mandanda.  La maledizione sembra finita, la svolta è arrivata e invece nel finale succede l’impensabile.  In pieno recupero, al 92′ lancio per Brandao, l’attaccante si libera di Lucio con una spinta e arriva davanti a Julio Cesar, spiazzato dal suo sinistro. L’unico tiro del Marsiglia elimina ingiustamente l’Inter. E’ la fine del ciclo nerazzurro.

UOMO PARTITA SPORT CAFE’ 24 – PAZZINI 7,5 Entra nel secondo tempo al posto di Forlan e diventa subito decisivo. Lotta, sgomita, fa salire  la squadra e ci mette lo zampino sul gol dell’1-o realizzato dal Principe Milito. Anche dopo la rete di Brandao, è l’ultimo a mollare: mette giù il pallone, smarca Mandanda, lo salta e provoca la sua espulsione. Realizza con freddezza dal dischetto. Forse meritava una chance fin dall’inizio. Generoso.

IL TABELLINO

INTER-OLYMPIQUE MARSIGLIA 2-1 (and. 0-1)
Inter (4-3-1-2): Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel, Nagatomo; Poli (29′ st Cambiasso), Stankovic, Zanetti; Sneijder (13′ st Obi); Milito, Forlan (13′ st Pazzini). A disp.: Castellazzi, Ranocchia, Faraoni, Zarate. All.: Ranieri
Olympique Marsiglia (4-2-3-1): Mandanda; Azpilicueta, Diawara, N’Koulou, Morel; Diarra, Mbia; Amalfitano, Valbuena (31′ st Cheyrou), A. Ayew; Remy (43′ st Brandao). A disp.: Bracigliano, Traoré, Fanni, Kaboré, J. Ayew. All.: Deschamps
Arbitro: Proença (POR)
Marcatori: 30′ st Milito (I), 47′ st Brandao (OM), 51′ st rig. Pazzini (I)
Ammoniti: Zanetti, Samuel, Stankovic (I); Diawara, Mandanda (OM)
Espulsi: Mandanda (OM) per doppia ammonizione

Michele Lestingi

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *