Andrea Croce

Messi: superato Müller e primato in Liga. Numeri da extraterrestre

Messi: superato Müller e primato in Liga. Numeri da extraterrestre
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

SIVIGLIA, 09 DICEMBRE –  Il miglior giocatore della storia? Si potrebbe discutere all’infinito. Fino alla fine degli anni ’90 il duello era tra Pelé e Maradona e si ricadeva sempre in un Brasile-Argentina che andava oltre la rivalità prettamente calcistica. Poi è arrivato il 2000, un nuovo millennio, e un ragazzino nato a Rosario il 24 Giugno del 1987 in meno di 10 anni di carriera si è ritagliato uno spazio tra quelle due leggende.

2012 DA RECORD – L’anno che sta per finire, se mai ce ne fosse stato bisogno, lo ha visto confermare quello che diversi, tra allenatori, giocatori e dirigenti calcistici, pensano da qualche anno: Lionel Messi è il miglior giocatore in attività e bisogna farsene una ragione. In attesa che si conosca il nome del Pallone d’Oro 2012, ci sarà forse chi avanzerà originali teorie per cui Ronaldo o Iniesta dovrebbero prevalere sull’argentino, ma saranno probabilmente smentite. Non tanto perchè Messi abbia vinto più degli altri quest’anno, come spesso accade al premiato, ma perché a livello personale nessuno ha fatto come lui. Non solo quest’anno, ma da sempre. Il record di Gerd Müller, 85 reti stagionali nel 1972, è un ricordo. Messi con la doppietta di oggi sale a quota 86 e mancano ancora 2 partite di Liga e 1 di Coppa del Rey.

GLI ALTRI RECORD – Il n.10 del Barcellona a soli 25 anni ha firmato, o è in attesa di farlo, altri record. Nell’ordine:

1) Il miglior goleador del Barça in Liga: con i due goal al Betis ha superato i 190 goal di Cesar, portandosi a quota 192.

2) Il primo giocatore della storia a ricevere il Pallone d’Oro per 4 edizioni consecutive.

3) Superare il suo record di 22 reti messe a segno l’anno scorso nel girone di andata. Primato eguagliato stasera con due partite a disposizione per migliorarlo.

4) Raggiungere Di Stefano come miglior marcatore nel Clasico, a Messi manca solo 1 goal.

5) Miglior goleador di Champions per la 5ª edizione consecutiva.

6) Superare Raul e le sue 71 reti in Champions League. Messi è a quota 56.

7) Il record di goal in Liga di Zarra dista solamente 59 reti.

8) Il massimo goleador con la maglia blaugrana (in tutte le competizioni), Alcantara, con 341 goal all’attivo, lo precede di 62 reti.

Niente male per chi è già negli almanacchi per aver vinto la Scarpa d’Oro con 50 reti nel 2012 (miglior risultato di sempre), avere il record di goal in Champions sia per singola edizione (14 reti) che su partita unica (5 reti al Bayern Leverkusen).

La forza di un giocatore non si misura certo con le statistiche, ma il suo caso è veramente unico: 353 partite nel Barcellona e 283 goal. Semplice direte voi, gioca nella squadra più forte ed è il suo terminale offensivo. Certo, ma oltre a fare goal Messi non può certo definirsi poco altruista visto che somma anche 110 assist. Quindi riassumendo, più di un goal a partita del Barcellona, da 9 anni a questa parte, è passato per i suoi piedi. I numeri non fanno altro che sentenziare la sua superiorità: tecnica, velocità, talento e genialità. Imprevedibile in campo, normalissimo fuori. Pensa solo a divertirsi e lo fa correndo dietro un pallone, con tutti gli altri costretti a rincorrerlo. Fa tutto con naturalezza e semplicità, forse come dice Piquè, è semplicemente di un altro pianeta.

Andrea Croce

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *