Nadia Gambino

Il capitano del Milan del futuro: Riccardo Montolivo

Il capitano del Milan del futuro: Riccardo Montolivo
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO 1 DICEMBRE – Contro il Catania, in campionato, Riccardo Montolivo ha vestito di nuovo i panni di condottiero del Milan. La fascia da capitano, infatti per la seconda partita consecutiva, è stata al suo braccio, complice l’assenza di Ambrosini (fuori con la Juve, in panca con il Catania), Abbiati e Bonera.

Scelto da Berlusconi e Allegri – La scelta di Montolivo, segna un cambio di rotta nello spogliatoio della squadra, orfana dei senatori, che affida la responsabilità ad un giocatore che è tra i nuovi acquisti, ma che è considerato un tassello importante per il futuro, “il nuovo Pirlo” secondo Berlusconi.

Uno schiaffo alla storia e porte aperte al futuro dunque. Non più la fascia indossata per anzianità, ma per personalità. E l’ex viola, sembra avere tutte le caratteristiche per diventare il nuovo faro del centrocampo, il leader e la guida di una squadra giovane ma con grandi ambizioni. Su di lui si vorrebbe fondare il Milan del futuro.

La scelta è stata fatta da Allegri e dal patron Berlusconi, che vede in lui un giocatore dotato di caratteristiche da Milan : grinta, serietà, affidabilità.

Lo stesso giocatore, lusingato dalla scelta ha dichiarato di essere felice ed onorato per la fascia, indossata in passato da grandi calciatori, entrati nella storia del Milan e divenuti leggende: da Baresi a Maldini, da Gattuso a Pirlo per citarne alcuni, nomi che fanno venire i brividi a Riccardo che ha dichiarato fedeltà ai colori rossoneri e che dopo aver ricevuto la visita a Milanello da parte del presidente si è sentito “dopato psicologicamente” dal carisma e dalle sue parole.

Berlusconi di nuovo vicino alla squadra – Parole che hanno caricato la squadra che ora sente di nuovo la vicinanza del proprio presidente, tornato ad occuparsi del Milan e ad essere più presente con i giocatori. Se la squadra infatti sta superando il momento difficile è grazie alle sue visite a Milanello. Grande motivatore del gruppo, non è un caso se dopo le sue visite il Milan si è rialzato. Dopo aver fatto sentire parole di stima ai giocatori, dopo averli caricati, la squadra ha acciuffato il pareggio importantissimo a Napoli, il passaggio agli ottavi di Champions League e ha vinto la super sfida contro la Juve. Non è sicuramente un caso.

Il Milan ora è pronto a ripartire e Riccardo, sembrerebbe avere tutte le caratteristiche per poter diventare il condottiero e il “cuor di leone” del centrocampo rossonero del futuro.

Nadia Gambino

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *