Redazione

Copertina SportCafe24: Boakye, il Sassuolo come trampolino per una big

Copertina SportCafe24: Boakye, il Sassuolo come trampolino per una big
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

SASSUOLO, 27 NOVEMBRE – Il Sassuolo di Eusebio Di Francesco è l’assoluta protagonista della prima parte del torneo cadetto che la vede capolista solitaria con 3 lunghezze di vantaggio sul Livorno e 6 sul Verona. Uno degli uomini di spicco della compagine neroverde è Richmond Boakye, giovane attaccante ghanese della formazione emiliana.

LA CARRIERA – Boakye è nato ad Accra nel Gennaio del 1993 ed entra giovanissimo nel settore giovanile del D.C. United, sodalizio della sua città natale. Sul finire del 2008 viene in Italia per disputare a Montecchio Maggiore un torneo riservato a squadre giovanili e qui viene notato dagli osservatori del Genoa che rimangono impressionati dalle doti del giovane talento africano tanto che decidono di acquistarlo e portarlo in Liguria. La punta ghanese viene inserita nelle formazioni giovanili rossoblu ma nel campionato 2009/2010 viene aggregato giovanissimo all’organico della prima squadra e il 3 Aprile del 2010 fa il suo debutto nel massimo campionato subentrando a David Suazo dopo 12 minuti nella gara contro il Livorno. In occasione dell’esordio in serie A Boakye riesce anche ad andare a segno entrando così nella storia del calcio italiano come il terzo debuttante più giovane di tutti i tempi ad avere realizzato una rete in occasione della sua prima gara nella massima serie. Nel biennio 2009-2011 disputa in serie A con la maglia genoana 7 presenze e nell’estate del 2011 viene ceduto in prestito al Sassuolo per consentigli di avere maggiori margini di utilizzo. La prima esperienza in neroverde è positiva tanto che alla fine sono 10 le reti messe a segno in 32 presenze in campionato, molte delle quali subentrando nel corso della ripresa, che non sono però sufficienti a garantire la promozione alla compagine emiliana. L’ottima stagione tra le fila del Sassuolo scatena l’interesse delle grandi e nel Luglio del 2012 la Juventus acquista la comproprietà del suo cartellino sborsando 4 milioni di Euro, cifra notevole per un ragazzo promettente ma di soli 19 anni. In bianconero rimane fino alle ultime ore della sessione estiva del calcio mercato quando passa nuovamente al Sassuolo ancora una volta in prestito secco. La formazione guidata da Di Francesco parte a razzo in campionato e l’attaccante ghanese è uno dei protagonisti principali tanto che fino ad oggi ha totalizzato 12 gettoni di presenza conditi da 6 reti, 2 delle quali decisive per ottenere il successo nella sfida dell’ultimo turno contro la Reggina. Prima un tocco di esterno destro al cospetto del portiere e poi una bella conclusione rasoterra da fuori area al termine di un’iniziativa personale hanno messo in evidenza le grandi qualità tecniche di un giocatore destinato sicuramente ad una grande carriera.

LE CARATTERISTICHE TECNICHE E LE PROSPETTIVE FUTURE – Boakye è un attaccante che può giocare sia da prima che da seconda punta ma il suo ruolo naturale è quello di punto di riferimento avanzato dove esprime al massimo le sue indubbie capacità. Molto bravo tecnicamente è dotato inoltre di un’ottima velocità di base che gli consente dribbling ubriacanti e rapidi scatti per saltare il diretto avversario. Possiede inoltre un grande fiuto del goal, che i numerosi centri realizzati nei pochi anni di professionismo stanno a dimostrare, ed è anche abile a giocare senza palla liberando preziosi varchi per gli inserimenti dei compagni di reparto o dei centrocampisti. La posizione contrattuale del giocatore prevede una comproprietà tra Genoa e Juventus che hanno deciso di girare il talento africano in prestito al Sassuolo per consentirgli di esprimersi con continuità e di maturare per compiere il definitivo salto di qualità. Il futuro sarà deciso dalle 2 società proprietarie del cartellino ma è certo che nel giro di qualche anno Boakye vestirà la maglia di uno dei top team dei campionati europei più importanti. Nonostante i soli 19 anni l’attaccante di scuola genoana fa già parte della nazionale del suo paese d’origine nella quale vanta 3 presenze e 1 rete, score identico a quello accumulato nella rappresentativa Under 20 ghanese.

a cura di Mauro Leone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *