Luca Guerra

Destro da tre punti all’ “Adriatico”: Pescara-Roma 0-1

Destro da tre punti all’ “Adriatico”: Pescara-Roma 0-1
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La rete dell'ex attaccante del Siena dopo cinque minuti regala il successo ai giallorossi nel giorno del ritorno di Zeman in Abruzzo. Pescara inconsistente sotto rete.

PESCARA, 25 NOVEMBRE- Basta poca Roma per avere ragione di un modesto Pescara. All’”Adriatico” nel giorno del ritorno di Zdenek Zeman nella piazza dove l’anno scorso aveva conquistato la serie A,  passano i giallorossi per 0-1 in virtù del centro messo a segno da Mattia Destro dopo solo 5 minuti, complice una respinta corta dell’estremo abruzzese Perin; i capitolini sprecano diverse chances per raddoppiare e corrono reali rischi solo nel finale, quando prima Weiss poi Abbruscato vanno vicini al centro del pari.

La cronaca- Nella Roma manca Lamela, lo rimpiazza Destro che scambia spesso ruolo e compiti con Totti e Osvaldo nel tridente. In mediana conferma per il trio Pjanic-Bradley-Florenzi, positivo contro il Torino. Nel Pescara, l’esordiente Bergodi con 8 indisponibili lancia un 3-5-1-1 con gli innesti di Romagnoli, Togni (all’esordio stagionale), Balzano e Bjarnason dal primo minuto. Prima del fischio d’inizio bagno di folla per Zeman, in un “Adriatico” cordiale, addirittura entusiasta al momento dell’abbraccio tra il boemo e il presidente Sebastiani. Pronti via, e Roma in vantaggio:  calcio di punizione di Totti respinto centralmente da Perin, l’ex attaccante del Siena è un falco e insacca da due passi. Il Pescara stenta a reagire, fatica sulle corsie laterali e Quintero è in giornata-no: le occasioni sono ancora per la Roma. Prima Destro va vicino al raddoppio con due colpi di testa di poco a lato, poi Perin deve respingere con i pugni una conclusione di Totti dalla distanza.  E’ molto motivato l’ex attaccante del Siena, che parte largo e si dà un sacco da fare, ma tende, per natura, ad accentrarsi. Da rivedere, negli schermi di Zeman, la compatibilità con Osvaldo.

Nella ripresa Bergodi lancia Weiss per Quintero alle spalle di Abbruscato.  L’ex giocatore del City, è l’unico a dare una scossa e a cercare i guizzi, tanto da far guadagnare alla squadra parecchi metri, ma è ancora Destro a impensierire Perin su cross di Balzaretti. La Roma gestisce il vantaggio anche grazie agli ingressi di Perrotta, Marquinho e Tachtsidis (Zeman termina la partita con una sola punta, ed è una notizia), mentre negli abruzzesi entrano in campo anche Soddimo (altro esordiente) e l’ex Caprari. Il pericolo maggiore arriva al 41’: Weiss supera Piris e Marquinhos con un rapido dribbling e serve Abbruscato, il cui tiro dal dischetto a porta sicura viene deviato in extremis da Castan. E’ l’ultima emozione dell’incontro: vince la Roma, che aggancia momentaneamente la Lazio a quota 23 in sesta posizione, mentre per il Pescara prosegue la striscia negativa, con una sola vittoria nelle ultime nove partite.

IL TABELLINO DI PESCARA-ROMA 0-1:

Pescara (3-5-1-1): Perin; Romagnoli, Terlizzi, Bocchetti; Balzano, Nielsen, Togni (29′ st Soddimo), Bjarnason, Modesto (34′ st Caprari); Quintero (10′ st Weiss); Abbruscato. A disp.: Pelizzoli, Crescenzi, Cosic, Brugman, Celik, Vukusic, Jonathas. All.: Bergodi.
Roma (4-3-3): Goicoechea; Piris, Marquinhos, Castan, Balzaretti; Pjanic, Bradley, Florenzi (24′ st Marquinho); Destro (33′ st Perrotta), Osvaldo (42′ st Tachtsidis), Totti.  A disp.: Lobont, Svedkauskas, Burdisso, Dodò, Romagnoli, Lopez. All.: Zeman.
Arbitro: Gervasoni.
Marcatori: 5′ Destro.
Ammoniti: Soddimo, Weiss (P), Bradley, Pjanic (R).

 

A cura di Luca Guerra

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *