Andrea Croce

Liga, il Real Madrid cade a Siviglia. Al Betis basta l’1-0

Liga, il Real Madrid cade a Siviglia. Al Betis basta l’1-0
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

SIVIGLIA 24 NOVEMBRE – Non c’è tregua per il Real Madrid,  già in campo nell’anticipo del sabato nonostante l’impegno di mercoledì sera in Champions League sul campo del Manchester City.

VIGILIA REAL – Karanka, come sempre quando appare davanti ai giornalisti, è più intento a prendere le difese di Mourinho che a parlare di calcio. I primi lamenti sono per il giorno in meno di riposo e la necessità di fare qualche cambio. Poi si passa alla polemica sul mancato riconoscimento da parte dell’UEFA per le 100 partite di Mou in Europa e a qualche allusione sull’arbitraggio di Rocchi nel pareggio con il City. Sul Betis e sulla rincorsa al Barcellona poche battute, come da copione. Come se non bastasse ci si mette anche la stampa francese con la presunta offerta del PSG per Cristiano Ronaldo.

I CONSIGLI DI GORDILLO – Calzettoni abbassati e tanta tanta corsa. Un idolo per il Santiago Bernabeu, un trascinatore nel grande Real di Butragueño e Hugo Sanchez. Ora è tornato al Betis, da dirigente, ed ha le idee chiare sul Real e sulla partita: “avrei preferito giocarmela in avvio di stagione, durante il rodaggio. Quando si mettono in moto è quasi impossibile rubargli qualche punto“. Qualche frecciatina per Mou e CR7, che a detta sua danno tanto alla squadra a livello tecnico-tattico, ma certi comportamenti allontanano i tifosi, aggiungendo che ai suoi tempi l’accoglienza era buona quasi ovunque, ma ora il Real ha smesso di essere la seconda squadra per molti.

LA PARTITA – Il Betis sembra ancora stordito dal 5-1 della settimana scorsa nel derby sivigliano. Il pubblico se ne accorge e comincia ad incitare i bianco-verdi senza pause, eccetto quando bisogna sommergere di fischi Cristiano Ronaldo ad ogni pallone giocato. Il portoghese non si nasconde di certo, anzi i suoi lo cercano praticamente in ogni giocata d’attacco, ma le avanzate del Madrid risultano inoffensive. Al 16′ la sorpresa, il Betis si affaccia per la prima volta nella metà campo avversaria e passa in vantaggio. Beñat riceve al limite dell’area e lascia partire un rasoterra incrociato su cui Casillas non può nulla, 1-0. Reazione contenuta del Real Madrid che solo al 30′ va vicino al pareggio grazie ad un’azione manovrata che libera Di Maria a centro area, ma l’argentino si fa deviare la conclusione in corner da un difensore. Una fiammata isolata perchè fino al riposo il Real crea pericolo solo con giocate da fermo. Dopo un goal annullato per fuorigioco a Benzema è il Betis ad avere almeno due possibilità per il raddoppio, ma San Casillas salva i suoi.

Nella ripresa Mourinho cambia subito e inserisce Modric e Kakà per scardinare l’attenta difesa del Betis, che sta riscattando alla grande la prestazione disastrosa del derby. I padroni di casa vogliono evitare di schiacciarsi troppo e ricorrono spesso alla tattica del fuorigioco. Ancora un goal annullato a Benzema, ma questa volta il francese era tenuto in gioco da Martinez. Ora il Betis è in affanno e Adrian deve superarsi in due occasioni per dire di no a Ronaldo e Kakà. Saltano tutti gli schemi e la squadra di Mourinho si espone al contropiede del Betis, ma gli avanti andalusi non riescono mai a trovare il raddoppio. Adrian ancora sugli scudi su una punizione violentissima di CR7. Il forcing finale è confuso e il Real Madrid cade per la terza volta in questa Liga.

UOMO PARTITA SportCafe24 – Se il Betis esce senza goal al passivo da questa partita lo deve al suo giovane portiere. Adrian, che ad inizio stagione era la terza scelta di Mel, ha definitivamente sancito la sua titolarità. Le sue parate regalano 3 punti preziosi.

Non arriva la sesta vittoria consecutiva per il Real Madrid, che anzi esce sconfitto dal Benito Villamarin e rimane a – 8 dal Barcellona che deve ancora giocare. Polveri bagnate per Ronaldo e compagni che si rendono pericolosi solo su calcio piazzato. Il Real ha giocato poco la palla a terra ed ha provato a far valere la fisicità dei suoi rinunciando a costruire gioco. Troppo poco per un Betis che si è riscattato in fretta dalla sconfitta con il Siviglia ed ora si ritrova a soli 4 punti proprio dal Madrid. Neanche Gordillo sperava in un regalo così.

Tabellino

BETIS 1 (16′ Beñat)

REAL MADRID

Le Formazioni

BETIS (4-2-3-1): Adrian, Lopez (dal 75′ Nacho), Amaya, Dorado, Martinez; Cañas, Beñat, Agra, Sevilla (dall’80’ Nosa), Carlos (dal 63′ Molina); Castro All.: Mel

REAL MADRID (4-2-3-1): Casillas, Arbeloa, Pepe, Ramos, Coentrao; Xabi Alonso, Khedira (dal 46′ Kakà), Di Maria (dal 63′ Callejon), Özil (dal 46′ Modric), Ronaldo; Benzema All.:Mourinho

Ammoniti: Sevilla, Adrian, Cañas, Beñat (B), Pepe, Ramos (R)
Espulsi:
Arbitro: Manzano

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *