Antonio Fioretto

Non è il solito Milan-Juventus

Non è il solito Milan-Juventus
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

E' un big match, anche se la classifica dice altro. E' una delle gare più sentite e prestigiose d'Italia. Ecco perchè Milan-Juve non sarà una gara come le altre

MILANO, 23 NOVEMBRE – Capita a volte che le abitudini si stacchino da un preciso identikit o stereotipo e che si trasformino in qualcosa di più che una semplice routine. Per tutti gli appassionati di calcio e simili, Milan-Juventus è una sfida classica, un match storico, quasi un’abitudine, una gara di routine che ha fatto la storia del calcio italiano e non solo. Come non ripensare alla splendida finale di Manchester 2003, una delle ultime traccie di un calcio nostrano che ormai non esiste più, anche se pian piano sembra stia risorgendo. Oppure, come non portare la mente al Milan-Juventus 1-6 del 1996-97, oppure al Milan-Juventus 3-0 di due stagioni or sono con doppietta di un’ allora splendido Ronaldinho. Se si naviga all’indietro nelle acque della memoria, si rivivono le sfide epiche ed infinite di Platini e Virdis, Van Basten e Scirea, Del Piero e Maldini. Compagini di campioni, arsenali di vittorie e di coppe, Milan e Juventus appartengono all’ élite del calcio italiano e l’hanno più volte portato in giro per il mondo. Si sono date tante volte battaglia per accaparrarsi quel titolo che poi alla fine è rimasto a metà,  la migliore squadra italiana. Il tutto, con rispetto reciproco, sportività assoluta e a tratti alleanza amica. Ma lasciamo le vene malinconiche del passato e torniamo al presente. Domenica sera si giocherà l’ennesimo Milan-Juventus, a San Siro, il 78esimo della storia. I precedenti raccontano di 26 successi rossoneri, 33 pareggi e 19 vittorie bianconere. La partita sarà valida per la 14/a giornata del campionato di A 2012-2013… Ma varrà semplicemente i famosi tre punti?

NON E’ IL SOLITO MILAN-JUVE  Milan-Juventus di domenica sera non potrà fare altro che staccarsi da quella classica routine di cui si parlava all’inizio. I motivi sono ovvi e molteplici. Primo, la classifica parla chiaro e dice che i punti di distanza sono 17 e che tra i bianconeri (primi in graduatoria) e i rossoneri (undicesimi) ci sono ben dieci squadre. Secondo, il Milan punta a lottare per un posto in Europa, la Juve invece punta decisa allo scudetto, forse senza nemmeno lottare. Terzo, il mercato, lo stadio e i piani societari, sono fattori da non sottovalutare che demarcano ancor di più la differenza tra le attuali situazioni dei due club. Non sarà dunque il solito Milan-Juve, insomma. Non si lotterà per zone nobili di classifica, per uno scudetto agognato o per una Champions da conquistare. Certo è che il prestigio e il fascino di questa sfida restano intatti. Sarà pur sempre un match vivo, interessante e pieno di significato. Se solo pensiamo agli ultimi avvenimenti, tipo il gol di Muntari della scorsa stagione o la recente polemica inerente ai torti/favori arbitrali, il pepe di certo non manca a questa sfida. A proposito di ciò, con ogni probabilità, sarà un match che non avrà come fine ultimo solo la conquista della posta.

PIU’ CHE TRE PUNTI  Le componenti psicologiche e motivazionali giocheranno un ruolo fondamentale. Il Milan vincendo rilancerebbe in un modo tutto nuovo la propria annata. L’eventuale conquista dei tre punti vedrà i rossoneri cambiare ambizioni, c’è da scommetterci. Di contro, immaginate l’effetto che potrebbe avere una vittoria della Juve. Non farebbe altro che confermare il pensiero dei più e cioè che questo campionato è già in tasca al club di Corso Galileo Ferraris. La squadra di Conte volerebbe a 35 punti, prima, con sicurezza e consapevolezza inimmaginabili. Il tutto condito dall’ infusione di fiducia della fantastica vittoria contro il Chelsea. Insomma, sia che a deciderla sarà El Shaarawy, sia che sarà Vidal o chi per esse, Milan-Juventus varrà doppio. Chi vincerà. avrà le ali spiegate. Anche se verso traguardi differenti.

Antonio Fioretto

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *