Modestino Picariello

Cassano continua la guerra degli Antò con Conte ed elogia Ibrahimovic

Cassano continua la guerra degli Antò con Conte ed elogia Ibrahimovic
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Cassano a tutto campo tra Conte, l'Inter e Ibrahimovic

Antonio CassanoMILANO, 15 NOVEMBRE – Per citare un vecchio film, esplode in serie A “la guerra degli Antò”: uno fa l’allenatore, uno il calciatore, in comune hanno l’esposizione mediatica e qualche problemino con la giustizia passata e presente. Stiamo parlando di Antonio Conte e Antonio Cassano.

TUTTO PARTE DAI SOLDATINI – La miccia la innesca, sembra involontariamente, il calciatore ex-Milan che, in un’intervista, spiegò di aver rifiutato la Juventus perchè lì erano tutti “soldatini”. Non mancarono, a stretto giro, le risposte dell’entourage bianconero, prima dello stesso Conte, poi di Bonucci. Finchè il tecnico bianconero non butta il carico da 11 “Chi parla troppo non è da Juve”.

LA RISPOSTA DI CASSANO – Un assist troppo ghiotto per il fantasista barese, che giustamente fa notare il controsenso: la logorroica accusa parte da chi è stato squalificato per omessa denuncia, aggiungendo “se lui viene a parlare di moralità a me, è finito il mondo”. Parte insomma la sfida a chi è più quaquaraquà (citando un altro famoso film).

TRA IBRA E L’INTER – Chiuso il capitolo Conte, Cassano si rituffa nel campionato, augurandosi che all’Inter torni presto Sneider, attualmente infortunato, lascia ancora aperta una porta per l’azzurro e, a proposito delle recenti amichevoli tra nazionali, commenta il capolavoro di Ibrahimovic contro l’Inghilterra: “gli ho mandato un sms ieri notte per complimentarmi ma non mi ha risposto. Sarà ancora ubriaco per i festeggiamenti”.

A cura di Modestino Picariello

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *