Connect with us

Football

Atalanta-Inter 3-2: La Dea divora il biscione all’Atleti Azzurri d’Italia

Pubblicato

|

Denis, in rete contro il Milan

Denis, doppietta per lui

BERGAMO, 11 NOVEMBRE – Dopo 7 vittorie consecutive la striscia positiva si ferma. Nel Posticipo della Dodicesima Giornata l’Atalanta batte l’Inter di Stramaccioni per 3-2 con doppietta di Denis. La partita è rimasta però chiusa per molti minuti nella ripresa. Solo nel finale il goal di Palacio ha riaperto la gara dando speranze all’Inter. Bella vittoria per gli uomini di Colantuono.

INTER SORPRESA – A sopresa Stramaccioni sceglie di schierare la difesa a quattro con Zanetti e Nagatomo sulle fasce per non schierare Cambiasso difensore centrale. Dopo 9 minuti in cui l’Inter sembrava stesse facendo la partita, arriva il vantaggio Bergamasco. Cross dalla sinistra di Peluso per Bonaventura che elude le marcature nerazzurre e porta in vantaggio l’Atalanta all’8° minuto di gioco. Due minuti dopo è ancora la squadra di Colantuono ad avere un’occasione con Denis che di prima intenzione calcia ma Handanovic blocca. L’Inter dopo essere andata sotto sembra essere uscita dal campo psicologicamente. Al 18° Cigarini ci prova con un tiro velleitario che si spegne però sul fondo. Al 21° squillo improvviso dell’Inter che in seguito ad un calcio d’angolo ha severamente impegnato Consigli con un gran colpo di testa. Comincia l’Inter a carburare gioco con Cassano, ed al 23° Guarin arriva al tiro da fuori area senza però troppo successo. Un minuto dopo è ancora il Colombiano che dopo una sterzata ancora fuori area prova il tiro a giro, che termina però a lato. Denis al 34° si divora il goal della giornata. Grandissima palla in mezzo di Maxi Moralez, per El Tanque Denis che era completamente solo, ma la sua conclusione è alta. Prova a reagire l’Inter al 38°: grazie azione di Guarin sulla sinistra, che crossa il pallone rasoterra quasi al limite dell’area con Cassano che intervenendo con l’esterno del piede fa inarcare troppo la traiettoria vanificando l’occasione. Favolosa l’azione dell’Inter al 41°: grande cross di Cassano dal limite dell’area per Palacio, che colpisce di testa ma ancora Consigli con una risposta super dice di no. Inter che torna negli spogliatoi in svantaggio, ma grazie ad uno strepitoso Consigli.

SIGILLO ATALANTA – Nessun cambio al rientro in campo per le due squadre. Al 7° della ripresa calcio di punizione per l’Inter che Cassano mette alto. All’11° punizione da posizione simile, stavolta Guarìn sul pallone non sbaglia: missile del Colombiano che spezza le mani a Consigli. Pareggio tutto sommato meritato per i nerazzurri che stavano attaccando all’inizio della ripresa. L’Atalanta però riprende a giocare e fa subito male alla retroguardia interista. Maxi Moralez riceve un pallone sull’esterno sfruttando il fuorigioco sbagliato clamorosamente dai lombardi, palla in mezzo per Denis che stavolta non sbaglia, e la Dea è dinuovo avanti. Ancora al 65° Denis di testa ci prova ma la palla è a lato. E’ notte fonda in casa nerazzurra quando Silvestre atterra Maxi Moralez in area di rigore e per Damato non ci sono dubbi è Penaly. Denis dal rigore sigla la doppietta. L’Inter non c’è più. Stramaccioni inserisce Alvarez che rileva Cambiasso. Al 38° del secondo tempo Parra, entrato da pochi minuti, si ritrova a pochi passi da Handanovic, ma il portiere sloveno confermando il suo strepitoso stato di forma, lo ipnotizza mettendo la palla in angolo. Da qui l’Inter sembra trovare linfa, perché accorcia le distanzer con il solito Palacio: Gargano dal limite dell’area serve Palacio in posizione regolare che gonfia la rete.

REAZIONE DEBOLE – Ma la reazione dell’Inter è davvero incredibile. In negativo però. Dopo il 3-1 non si è praticamente mai affacciata nell’area di rigore Bergamasca fino all’84°. Ma al di là di questo è proprio la motivazione che è venuta a mancare negli uomini di Stramaccioni che si trovavano sotto di 2 goal a 25 minuti dalla fine, e non hanno reagito assolutamente. Grandissimi plausi vanno all’Atalanta che in casa si conferma una squadra che può mettere in difficoltà gli avversari. La squadra di Colantuono è sesta in classifica con 18 punti (da notare che i bergamaschi hanno anche 2 punti di penalità). L’unico alibi per i nerazzurri sono le assenze di Samuel e Ranocchia e le dieci vittorie consecutive tra campionato ed Europa League, che probabilmente hanno un po’ appagato l’ambiente. Adesso non sono la Juventus è tornata a 4 punti, ma il Napoli si è portato a ridosso dell’Inter di un solo punto.
ATALANTA 3(9° Bonaventura, 60°, 67° rig Denis) INTER 2 (56° Guarìn, 84°Palacio)

Le Formazioni

ATALANTA (4-4-1-1):
Consigli; Raimondi, Manfredini, Stendardo, Peluso, Schelotto, Cigarini, Carmona, Bonaventura, M.Moralez, Denis.

All.: Colantuono

INTER (4-3-3): Handanovic, Zanetti, Silvestre, Juan Jesus, Nagatomo, Guarin, Cambiasso, Gargano, Palacio, Cassano, Milito.All.: Stramaccioni

Ammoniti: 28° Carmona (ATA), 53° Gargano (INT), 10° Peluso (ATA)

Espulsi: 93° Parra (ATA)

Arbitro: Damato (Barletta)

A cura di Walter Molino

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending