Andrea Croce

Il Barcellona è già guarito. A Mallorca finisce 2-4

Il Barcellona è già guarito. A Mallorca finisce 2-4
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Messi festeggia. Battuto il record di Pelè.

PALMA DE MALLORCA, 11 NOVEMBRE – Torna la Liga per gli uomini di Vilanova dopo il passo falso di mercoledì in Champions League. Il tecnico catalano non è preoccupato per quello che definisce un semplice incidente, e punta dritto ad un nuovo record: la 10ª vittoria in 11 gare, qualcosa che non è ancora riuscito a nessuno nella storia del calcio spagnolo. Di fronte il Mallorca di Caparròs che viene da 5 sconfitte consecutive e vuole invertire la rotta al più presto. Rientrano Busquets, assente a Glasgow per squalifica, e Piquè. Il giovane Tello è la novità dell’11 blaugrana.

DIMENTICARE GLASGOW – Il Barcellona, come in Scozia, deve fare i conti con un Mallorca molto chiuso che lascia completamente l’iniziativa a Messi e compagni. La squadra di Caparròs prova a tenere le linee molto strette per non dare profondità al Barça e ripartire rapidamente in contropiede. La prima occasione arriva al minuto 9 con una conclusione da lontano di Dani Alves, ma i padroni di casa al 16′ rispondono con una conclusione alta di Hemed. Il centravanti pochi minuti dopo impegna severamente Valdes che in tuffo salva il risultato per i suoi. Ora il Mallorca prende confidenza e c’è qualche spazio in più. Al 27′ si sblocca il risultato a favore del Barcellona grazie ad una splendida punizione di Xavi. Tutti si aspettavano la conclusione di Messi e invece è il campitano del Barça a colpire con una parabola precisa. Al 32′ Barcellona vicino al raddoppio, ma Geromel anticipa Villa che doveva solo spingere in rete il suggerimento di Tello. Al 43′ appare Leo Messi che, dopo un pregevole dribbling, conclude dal limite e approfitta di un regalo di Aouate. Il portiere di casa si lascia sfuggire la conclusione dell’argentino ed è 2-0. Il 10 del Barça raggiunge il record di Pelè del 1958 e segna la sua 75ª rete stagionale. Prima del riposo arriva anche il terzo goal con Tello che dal limite lascia partire un gran destro e non lascia scampo ad Aouate, questa volta incolpevole.

SECONDA PARTE – Caparròs cambia Hemed con Alfaro, anche se l’attaccante israeliano era stato il più pericoloso dei suoi. Non cambia l’assetto tattico dei padroni di casa che probabilmente non credono molto nella rimonta. Il goal della speranza arriva però al 54′ quando una dormita generale della difesa catalana libera Pereira che, a tu per tu con Valdes, non sbaglia. Colpevole Dani Alves che non segue la discesa del centrocampista francese. Tre minuti dopo una follia di Busquets, che tocca con la mano in piena area, riapre il match: rigore puntualmente trasformato da Victor. Il Barcellona è irriconoscibile in questa ripresa, e sembra di rivedere la partita del Riazor che terminò 4-5. Comunque rimangono le lacune difensive di questo Barça e sarà dura per Valdes vincere il quinto premio Zamora consecutivo. Il Mallorca ora ci crede, ma libera ampi spazi per il contropiede blaugrana. Al 70′ arriva il quarto goal del Barcellona: Sanchez serve di petto Messi e l’argentino lascia partire una conclusione violentissima che s’insacca sotto la traversa. Superato Pelè, il neo-papà può festeggiare con il dito in bocca la dedica al piccolo Thiago. Dal replay si vede che Sanchez è in fuorigioco e copre la visuale del portiere sulla conclusione di Messi, ma non ci sono state proteste da parte del Mallorca. Gli ultimi 20 minuti sono di pura accademia per il Barcellona, che non vuole affondare e controlla agevolmente il vantaggio.

UOMO PARTITA SportCafe24 -La doppietta è di quelle da ricordare, per il record di goal in stagione (e mancano ancora diverse partite), e per mettere pressione ad Atletico e Real Madrid sempre costrette ad inseguire per non perdere terreno e mai per recuperarlo. Messi non è disequilibrante come capita spesso, ma rimane infallibile sotto porta e decisivo al momento del bisogno.

Un’altro record per Tito Vilanova e il suo Barça che si porta a 31 punti in 11 partite ed attende le risposte delle due squadre di Madrid. Il tecnico blaugrana azzecca tutte le scelte, specialmente quella di Tello che si rivela un’autentica spina nel fianco per la difesa del Mallorca. Sesta sconfitta consecutiva per i padroni di casa che sono a soli 3 punti dall’ultimo posto.

Tabellino:

MALLORCA 2 (54′ Pereira, 57′ Victor)
FC BARCELONA 4 (27′ Xavi, 43′ e 70′ Messi, 45′ Tello)

Le Formazioni

MALLORCA (4-4-1-1): Aouate, Navarro (dall’81’ Fernandez), Geromel, Coinceiçao, Bigas; Nsue, Pina, Martì (dal 72′ Fontas), Pereira; Victor, Hemed (dal 46′ Alfaro) All.: Caparròs.

FC BARCELONA (4-3-3): Valdes, Alves, Mascherano (dall’83’ Bartra), Piquè, Jordi Alba (dall’86’ Montoya); Busquets, Xavi, Fabregas; Tello, Messi, Villa (dal 65′ Sanchez) All.: Vilanova

Ammoniti: Martì (M), Busquets (B)
Espulsi:
Arbitro: Villanueva

 

Andrea Croce

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *