Giovanni Nole

La Lazio cala il tris e si aggiudica il Derby capitolino: 3-2 sulla Roma

La Lazio cala il tris e si aggiudica il Derby capitolino: 3-2 sulla Roma
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

ROMA, 11 NOVEMBRE – La Lazio, dopo i due derby vinti nella stagione scorsa, si porta a casa anche il primo derby della stagione 2012-13: 3-2 per i biancocelesti sulla Roma vincendo per 3-2. Gli uomini di Zean erano passati in vantaggio nei primi minuti del primo tempo grazie ad una rete di Lamela, ma tra fine primo tempo e inizio secondo c’è la rimonta laziale grazie agli errori difensivi giallorossi e alle reti di Candreva, Klose e di Mauri, espulso a fine gara così come, dall’altra sponda, era stato espulso De Rossi a fine prima frazione di gioco per via di un pugno rifilato proprio al capitano biancoceleste. La Lazio aggiunge 3 punti di distacco proprio sulla Roma, rimanendo attaccata a Napoli e Fiorentina, anch’esse uscite vincitrici dalle sfide di oggi.

PRESENTAZIONE E PRIMO TEMPO – Ci siamo, è tempo di derby: la sfida eterna e immortale tra le due squadre, con la giustificante di una classifica da scalare, la rende una partita diversa dalle altre. A pochi punti di distanza l’una dall’altra, le due squadre puntano solo ai tre punti, non solo per la gloria che comporterebbe la vittoria di un derby ma anche per rimanere agganciati al treno terzo posto. E’ il 137esimo derby della Capitale: nelle 136 sfide precedenti, è la Roma a tenere l’ago della bilancia grazie alle sue 47 vittorie contro le 35 biancocelesti, con 54 pareggi. Nell’ultima stagione, però, entrambi i derby sono andati in casa Lazio. Prima dell’inizio della partita, commuovente omaggio da parte della curva laziale nei confronti di Gabriele Sandri, nel quinto anniversario della sua morte: bellissima la reazione della tifoseria romanista, che applaude e accompagna la Lazio nella commemorazione del giovane tifoso biancoceleste ucciso per sbaglio da un colpo di pistola 5 anni fa. Nessuna novità di formazione rispetto a quelle pronosticate: nella Roma ritorna in mezzo al campo De Rossi affiancato da Bradley e dall’immancabile Florenzi, con Tahctsidis e Pjanic che finiscono in panchina; Marquinhos è preferito a Castan per affiancare Burdisso in mezzo alla difesa, mentre in avanti, con la squalifica di Destro, è confermatissimo il trio di trascinatori Totti – Lamela – Osvaldo. Anche nella Lazio nessuna novità particolare, con Petkovic che conferma il suo 4-5-1: centrocampo formato da Candreva, Hernanes e Ledesma, mentre in attacco abbiamo i soliti Mauri, Gonzalez e Miro Klose. L’atmosfera da derby si accende subito, ma purtroppo non solo in campo: da segnalare episodi di violenza fuori dallo stadio, dove due tifosi della Roma sono stati accoltellati e feriti, ma fortunatamente non in maniera grave. Inizia la partita in un clima quasi surreale: il forte mal tempo condiziona il campo pieno zeppo d’acqua, e dopo 5 minuti addirittura si spengono i riflettori: partita sospesa per qualche minuto, per poi riprendere senza problemi. E’ la Roma a partire meglio, buttandosi subito in avanti e trovando dopo pochissimi minuti addirittura il gol del vantaggio: corner di Totti, Lamela spinge il marcatore diretto Lulic (c’era forse fallo sul laziale) e insacca di testa, per l’1-0 dei giallorossi tra le protese dei biancocelesti. Sotto il diluvio provocato dal cielo romano, le due squadre si scambiano un uno-due in stile pugilistico con le conclusioni di Totti ed Hernanes, su cui ci arrivano bene i rispettivi portieri. Seppur non accada nulla di particolare, la partita è bellissima, in pieno clima Derby, con i 22 in campo che lottano su ogni pallone. Al 33esimo occasione Lazio con Konko che, di testa, va vicinissimo alla rete che farebbe pareggiare gli uomini di Petkovic. Pareggio che arriva solo due minuti dopo: punizione da lontanissimo battuta forte, ma centrale, da Candreva: Goichoechea buca clamorosamente intervenendo coi pugni, e in maniera colpevole regala il gol dell’1-1 alla Lazio. Che a questo punto domina e sfiora, al 40esimo, il gol del vantaggio con Klose, che calcia sugli sviluppi di un corner e manda fuori di niente. Ma anche in questo caso, l’occasione da gol è una premonizione per il gol vero e proprio che arriverà pochi minuti più tardi proprio grazie al bomberone tedesco: grande slalom di Hernanes che salta Lamela, mette dentro dove Balzaretti non chiude su Klose; l’ex Bayern ringrazia e sigla la rimonta che porta i laziali in vantaggio. Siamo già nel recupero, quando avviene un episodio di pura follia: a palla ferma De Rossi rifila un gancio sinistro a Mauri, l’arbitro vede tutto e lo espelle: follia di Daniele De Rossi, che ora lascerà i suoi in dieci uomini dal secondo tempo in poi. Mentre, nel frattempo, si chiude il primo tempo: partita pazza, divertente e tesissima, come da pronostico, con la Lazio che rimonta lo svantaggio iniziale grazie all’uno-due di Candreva e Klose; Lazio anche in vantaggio numerico grazie alla follia di Capitan Futuro De Rossi.

SECONDO TEMPO – Il secondo tempo parte con un cambio sponda Roma: Zeman decide di coprirsi con un centrocampista in più dopo l’espulsione di De Rossi, togliendo Lamela e mettendo in campo Tahctsidis. Ma l’avvio è di quelli shock: Piris con un erroraccio (non il solo in questa stagione) la mette dentro di testa nella propria area, raccoglie l’invito capitan Mauri che, non prima di aver ringraziato l’ennesimo disastro difensivo giallorosso, la mette dentro di destro: la Lazio cala il tris, mentre per la Roma a calare è il buio: ora la montagna da scalare è altissima e ripidissima per gli uomini di Zeman. Lazio che, nel giro di due minuti, con due conclusioni di Hernanes va addirittura vicinissima al poker: Goichoechea salva la porta, in qualche modo, in entrambe le occasioni. La Lazio ora rifiata, e la Roma cerca di approfittarne, specialmente con Osvaldo che prima su palla a giro di Totti e poi su cross dalla destra nuovamente di Capitan Totti la mette alta a pochi passi dalla porta: per l’attaccante italo-argentino non è davvero giornata. Escono Lulic e Florenzi per far spazio da una parte a Radu e dall’altra a Marquinho, ma la partita non cambia direzione, anzi: ennesima conclusione pericolosa dalla distanza di Hernanes, ancora Goichoechea a metterla in corner. Proprio il profeta, al 75esimo, lascia il campo sotto gli applausi di tutto lo stadio: al suo posto Brocchi. La partita si riaccende nei minuti finali, quando la Lazio raggiunge la parità numerica per via dell’espulsione proprio di capitan Mauri che, ingenuamente, ferma il pallone con la mano volontariamente in mezzo al campo. Punizione dai 45 metri: batte Pjanic, entrato al posto di Totti, che con una botta mostruosa sorprende Marchetti che si addormenta in mezzo ai pali e Roma che accorcia le distanze: 3-2 all’85esimo, con la Roma che nelle battute finali può ancora sperarci. Ma nonostante gli assalti finali, non succede null’altro nei 4 minuti di recupero: Lazio batte Roma 3-2 in una partita bellissima nel primo tempo, nervosa e dai ritmi blandi nel secondo. La Lazio rimane agganciata a Napoli e Fiorentina, uscite vincitrici dalle sfide rispettivamente con Genoa e Milan; Roma che, invece, è sempre più lontana dal 5 posto rappresentato proprio dai biancocelesti.

UOMO PARTITA SPORTCAFE24 – HERNANES – Il Profeta più di chiunque altro mette il timbro sul derby; seppur non segnando, è la figura centrale del gioco della Lazio che esce vincitrice da una partita importantissima. Mette spesso a seria prova un insicuro Goichoechea con conclusioni insidiose da lontanto, e firma l’assist per il gol di Klose: un vero e proprio leader in campo.

TABELLINO

LAZIO 3 (35’ Candreva, 43’ Klose, 47’ Mauri)

ROMA 2 (9’ Lamela, 85’ Pjanic)

Lazio (4-5-1): Marchetti; Konko, Biava, Dias, Lulic; Candreva, Hernanes, Ledesma, Gonzalez, Mauri; Klose. ALL: Petkovic

Roma (4-3-3): Goicoechea; Piris, Burdisso, Marquinhos, Balzaretti; Bradley, De Rossi, Florenzi; Lamela, Osvaldo, Totti. ALL: Zeman

ESPULSI: 45’ DeRossi, 85’ Mauri

A cura di Giovanni Nolè

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *