Connect with us

Focus

Serie A 10a giornata: Juve sempre prima, Inter che sorpresa. Napoli e Roma sconfitte in trasferta. L’analisi

Pubblicato

|

Paul Pogba, centrocampista della Juventus autore di una grande prova contro il Parma

Paul Pogba, rivelazione bianconera

TORINO, 1 NOVEMBRE – La decima giornata di Serie A regala una sorpresa in vetta alla classifica: la nuova Inter di Stramaccioni, infatti, batte in casa la Sampdoria di Ferrara e scavalca il Napoli al secondo posto. I nerazzurri, dopo essere andati sotto di un gol, liquidano la Samp in rimonta. Dopo il vantaggio iniziale di Gianni Munari per i blucerchiati, i nerazzurri conquistano una grande occasione: fallo in area su Milito del difensore Costa (che aveva castigato il Milan nella prima giornata), rigore a favore dei nerazzurri ed espulsione per il difensore doriano. Lo stesso Milito si incarica di battere in rete un rigore violento che prima di insaccarsi nella porta di Romero sbatte contro il palo; con l’uomo in più l’Inter chiude i conti con i gol di Palacio e Guarin. Per la Samp gol inutile di Eder a pochi minuti dalla fine e risultato fissato sul 3-2 per i padroni di casa. A sorpresa l’Inter si ritrova al secondo posto e la sfida di sabato contro la Juve avrà il gusto dello scontro diretto per il tricolore come non lo si assaporava da anni.

JUVE ALL’ULTIMO RESPIRO, NAPOLI E ROMA KO. PUNTICINO PER LA LAZIO – Tricolore che sarà difficile da scucire dal petto dell’armata di Conte. La Juve infatti è un tritasassi e allo Juventus Stadium battono per 2-1 il Bologna. Quagliarella, su assist di Giaccherini, porta in vantaggio i bianconeri che si vedono poi pareggiare il risultato grazie ad un errore di De Ceglie, sfruttato ottimamente da un attento Taider che insacca dal limite dell’area con un tiro preciso. Ma al 92°, in pieno recupero, Pogba regala ancora una volta i tre punti alla sua squadra. E il Napoli? Gli uomini di Mazzarri privi del bomber Cavani perdono a sorpresa a Bergamo contro l’Atalanta (gran gol di Carmona dal limite) e cedono il secondo posto all’Inter di Stramaccioni. La Lazio, invece, viene fermata in casa dal Torino sul risultato di 1-1 (Mauri pareggia il gol di Glick). Ma forse il risultato più sorprendente è la sconfitta della Roma di Zeman (seconda consecutiva dopo quella di domenica contro l’Udinese) fuori casa col Parma. I giallorossi partiti con i favori della critica in estate non riescono a trovare la loro identità e la difesa che prende troppi gol è il tallone di Achille dei capitolini: Belfodil, Parolo e Zaccardo castigano la squadra del boemo che con i gol di Lamela (in ottima forma) e Totti non riesce ad evitare la seconda sconfitta in tre giorni. Nella zona bassa della classifica, oltre al già citato Bologna vittima della Juve, perdono anche il Pescara contro il Chievo (2-0) e il Siena in casa del Cagliari (4-2). Genoa-Fiorentina domani sera chiuderà il turno infrasettimanale.

Milito-Cassano

E SABATO JUVE-INTER, SFIDA STORICA – Numeri alla mano, ed errori arbitrali permettendo, la Juve rimane inarrestabile, inarrivabile e soprattutto invincibile. 9 partite vinte ed un solo pareggio, miglior attacco e miglior difesa e soprattutto un record da puntare e battere: il record di 58 partite consecutive senza sconfitte che fu di Fabio Capello quando allenava il Milan, ora i bianconeri sono vicini a quota 49. Ma sulla sua strada verso il tricolore, sabato la Juventus troverà l’Inter in un derby d’Italia affascinante per la squadra ringiovanita di Moratti e del suo tecnico Stramaccioni, tanto giovane quanto bravo che proverà a metter paura alla vecchia signora e a misurarsi col grande calcio dello Juventus Stadium.

Per concludere una nota sulla classifica marcatori, guidata dal baby fenomeno rossonero El Sharaawy, in testa con 7 reti. In una stagione nera per il Milan lui è l’unica nota di colore. In un anno buio, l’unico in grado di accendere i riflettori su di sè e di competere con i grandi che gli stanno dietro, da Cavani a Di Natale, da Klose a Milito: tutti dietro al faraone che segna vent’anni sulla carta d’identità.

analisi a cura di Nadia Gambino

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending