Redazione

Premier, spettacolo nel Merseyside: finisce 2-2 il derby di Liverpool

Premier, spettacolo nel Merseyside: finisce 2-2 il derby di Liverpool
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Pareggio deciso nel primo tempo: Liverpool ancora arrendevole, l'Everton non è più una sorpresa

LIVERPOOL, 28 SETTEMBRE – Con un Liverpool carico dopo la vittoria e il primo posto nel girone di Champions che va a far visita ad un Everton bisognoso di punti dopo il deludente pareggio contro il QPR, il match delle 14.30 si preannuncia davvero spettacolare. Il derby del Merseyside sarà anche l’ennesima occasione per il tecnico dei padroni di casa per dimostrare che la sua squadra ha definitivamente raggiunto il livello dei cugini Reds: per David Moyes, alla guida dell’Everton da un decennio, solo 4 derby vinti su 23 disputati. Non la pensa così Brendan Rodgers, l’ex allenatore dello Swansea che ha confessato di essersi fatto aiutare dai consigli dei senatori della squadra pur di portare i 3 punti al Liverpool.

LA PARTITA – Le aspettative di chi cercava una partita emozionante non sono certo state deluse. Pronti, via: dopo due buone occasioni per l’Everton nel primo quarto d’ora, è il Liverpool a passare in vantaggio. Spiazzati i padroni di casa che  dimenticano colpevolmente Suarez solo nell’area piccola: l’uruguaiano conclude di potenza e la deviazione di Baines è decisiva. Un duro colpo per l’Everton, che prima ancora di riuscire a digerire il colpo subisce lo 0-2. Gerrard  disegna una parabola deliziosa su punizione, Suarez è prontissimo e di testa batte Howard. Sbagliate le proteste di chi chiedeva un fuorigioco del bomber dei Reds: posizione regolare perchè Fellaini lo teneva in gioco. Il rapido uno-due potrebbe essere fatale per molte squadre, ma non per il combattivo Everton di quest’anno. Bastano infatti due minuti affinchè i padroni di casa accorcino le distanze, grazie ad una conclusione dal limite di Osman imprendibile per Jones, colpevole però di un’uscita tutt’altro che impeccabile. I Toffees riacquistano coraggio, mentre il Liverpool affida la speranza di chiudere il risultato solo ad una potente conclusione di Suarez che sfiora il palo. Ma è su una grave distrazione difensiva del Liverpool che l’Everton trova l’incredibile pareggio. Fellaini gira al centro dell’area un pallone che sembrava poco pericoloso, Naismith è attento e con un puntuale inserimento anticipa tutti i difensori avversari insaccando il gol che completa la rimonta in appena 35′. C’è tempo solo per una bella conclusione di Coleman, prima che l’arbitro decreti la fine di un primo tempo davvero spettacolare.

La ripresa inizia con la rivoluzione operata da Rodgers: due cambi per cercare di riprendere il controllo della gara. Dopo 4′ di gioco nel secondo tempo è proprio il neo-entrato Shelvey a servire un pallone d’oro per Sterling, che invece di concludere di potenza cerca un improbabile pallonetto: davvero un’ottima occasione sprecata per gli ospiti. Una decina di minuti più tardi è ancora il Liverpool a recriminare con Suarez, che vorrebbe un rigore per un presunto tocco di mano di Distin: l’arbitro Marinner, che in questa stagione deve ancora assegnare un calcio di rigore, lascia proseguire. In un secondo tempo decisamente più tranquillo del primo, sono sempre i soliti a tentare di rompere gli equilibri: ci prova Gerrard all’82’, ma Jagielka devia in corner salvando quasi sulla linea. Quando ormai sembra tutto finito, ecco che sull’ennesima punzione perfetta di Gerrard deviata di testa da Allen, Suarez spedisce in rete il clamoroso 2-3: tutto inutile, per il guardalinee è fuorigioco. La partita si chiude così, tra le proteste di un Liverpool arrabbiatissimo per un gol annullato ingiustamente: proteste ragionevoli, perchè il gol era regolarissimo.

TABELLINO

EVERTON – LIVERPOOL 2-2

Marcatori: 14′ aut. Baines, 20′ Suarez, 22′ Osman, 35′ Naismith

EVERTON (4-4-2): Tim Howard, Séamus Coleman, Leighton Baines, Phil Jagielka, Sylvain Distin, Phil Neville, Leon Osman, Marouane Fellaini, Steven Naismith (85′ Oviedo), Kevin Mirallas (45′ Gueye), Nikica Jelavić.

LIVERPOOL (4-3-3): Brad Jones, José Enrique, Andre Wisdom (70′ Henderson), Martin Škrtel, Daniel Agger, Steven Gerrard, Joe Allen, Nuri Sahin (45′ Shelvey), Raheem Sterling, Suso (45′ Coates), Luis Suárez.

 Ammoniti: 19′ Osman, 29′ Sterling, 45′ Neville, 57′ Jagielka, 69′ Agger, 71′ Suarez, 86′ Coleman.

Espulsi: Nessuno.

Matteo Brutti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *