Luca Guerra

Juventus, Quagliarella chiarisce: “Non voglio lasciare la Juve”

Juventus, Quagliarella chiarisce: “Non voglio lasciare la Juve”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’attaccante chiarisce le frasi su Zeman, riportate dal settimanale “Chi” e manifesta la sua volontaà di restare a Torino.

Quagliarella mentre esulta dopo un gol

TORINO, 24 OTTOBRE- Dopo le parole  diffuse ieri, che sembravano manifestare il suo ampio gradimento per la Roma di Zdenek Zeman e per i metodi di gioco dell’allenatore boemo («Un giorno mi piacerebbe essere allenato da lui. Nella vita mai dire mai»)  e il pareggio vissuto ieri sera dalla tribuna (punitiva o no? Il dilemma resta…)  a Copenaghen tra Juventus e Nordsjaelland (1-1), Fabio Quagliarella è tornato a commentare le sue  dichiarazioni rilasciate a Chi per correggere il tiro, e lo fa attraverso la propria pagina ufficiale sul social network Facebook. «Sono state mal interpretate», glissa  l’attaccante bianconero.

«In particolare alla domanda su Zeman ho risposto come credo avrebbe fatto qualsiasi altro giocatore e cioè che è un allenatore che pratica un gioco molto offensivo che permette a tutti gli attaccanti di mettersi in ottima luce. Non sono intenzionato a lasciare Torino, città magnifica in cui mi trovo molto bene, e la Juventus con cui ho vinto – e voglio continuare a farlo – 2 trofei importantissimi come lo Scudetto e la Super Coppa. Ora vi saluto, sicuro che abbiate capito ciò che intendevo dire, e inizio a concentrarmi sulla gara di domenica contro il Catania», conclude Quagliarella, sin qui tre gol in stagione con la Juventus tra campionato e Champions League.

“Allarme” parzialmente rientrato, quindi: resta da capire come l’ambiente bianconero, a partire dall’allenatore Antonio Conte, abbia accolto le parole del centravanti 29enne di Castellamare di Stabia in un momento tanto delicato della stagione per il club torinese.

 

A cura di Luca Guerra

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *