Connect with us

Football

Il punto sulla Serie A: la Juventus vola, Lazio ed Inter inseguono il Napoli

Pubblicato

|

ROMA, 22 OTTOBRE  – Quanto ci sei mancata Serie A! La sosta per le Nazionali, appuntamento comunque fondamentale per il proseguo azzurro, ci ha letteralmente privati del classico week-end degli italiani. Il calcio è una passione tutta del ‘belpaese’, custodita gelosamente. Ieri sera, intorno alle 22.30, si è conclusa in quel di Genova l’ottava giornata di campionato. Il ritorno della Roma, le conferme di Inter e Lazio, la mini-fuga della Juve e la debacle conseguente de Napoli, rappresentano solo alcune delle tematiche lasciate ai posteri dai match giocatisi tra sabato e domenica. Ma, analizzando quest’inizio di torneo ad un più generico livello, ci si accorge che la Serie A 2012/2013 ha detto tanto, senza in realtà dire nulla.

PRIMA DELLA CLASSE Alla fine del campionato mancano 30 partite, un infinità. Ciò sottolinea il fatto che siamo davvero al sorgere del sole scudettato. Qualcosa però, nonostante le sole otto partite disputate dalle 20 di A, si riesce già a stabilire. Naturalmente, non è possibile emettere giudizi sommari o verdetti assoluti. Ma si può creare un identikit generale sulla situazione dell’ ex campionato più bello del mondo, per molti ancora il più difficile del mondo. Un esempio? La Juventus. Nessun club al pari dei bianconeri può definirsi una conferma. Il lavoro eccezionale continua anche quest’anno, nonostante una qualità ed una velocità di gioco forse inferiore. Conte, Carrera, Alessio e tutto lo staff juventino stanno svolgendo un compiuto encomiabile. La società ha rinforzato la squadra con valori assoluti come Giovinco e Asamoah, quest’ultimo autore di un inizio di stagione fuori dalla norma. Insomma, la Juve è sempre più la squadra da battere e può far bene anche in Champions.

LE AVVERSARIE Non c’è comunque da allarmarsi. La Juventus non è imbattibile e il campionato non è affatto già concluso, anzi. Il Napoli, nonostante la sconfitta nello scontro diretto di sabato pomeriggio, resta la principale contendente allo scudetto. Gli uomini di Mazzarri hanno sbagliato davvero poco finora, migliorando nettamente l’andatura della scorsa annata. Il Napoli ha vinto 6 partite, pareggiata 1 e persa 1 : un rollino di marcia da prima della classe. Certo, non sarà affatto facile scalzare la Juve capolista. Ma a Napoli ci credono ed hanno da giocarsi alcune tra le migliori carte del mazzo, vedi Cavani o Hamsik. Se il Napoli può sorridere, ancor di più possono farlo Inter e Lazio. I nerazzurri e i biancocelesti, soprattutto i primi, sono stati autori di un inizio di stagione a tratti esaltante. I punti conquistati finora sono 18 per entrambe. Sia Petkovic che Stramaccioni sono riusciti a dare alla squadra un’ identità tattica ed una cinica da grande squadra. Cassano e un ritrovato Cambiasso sono i trascinatori dell’Inter, Hernanes e Klose quelli della Lazio.

E il Milan? La situazione dei rossonori è ormai tragi-comica. 7 punti in 8 partite, piena zona retrocessione, pochissimo gioco e il solo El Shaarawy a cantare e portare la croce. Allegri traballa, Galliani continua a confermarlo con apparente sicurezza. La possibilità di risolvere la crisi appare molto remota. Ora lo staff di Via Turati proverà con una settimana di ritiro, per quanto possa servire.

OUTSIDER Attenzione comunque alle outsider. Le prime 8 partite hanno portato alla ribalta soprattutto Genoa e Fiorentina, le due grandi delusioni della scorsa stagione. Ora l’aria dalle parti di Genova e Firenze è notevolmente cambiata, e i due club si candidano alla lotta per un posto in Europa. Gli uomini di Montella sembrano più attrezzati, ma occhio al Genoa che ha un mix di giovani ed esperti non indifferente. Alterna Immobile a Borriello in attacco e questo la dice lunga.  La Roma di Zeman, invece,  è costantemente un punto interrogativo. Capace di rimontare due gol al Genoa e contemporaneamente di farsi rimontare due gol in casa dal Bologna. Zeman non è cambiato e non lo farà mai.

Antonio Fioretto

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending