Connect with us

Moto Gp

MotoGp: Marco Simoncelli non c’è più, manca a tutti

Pubblicato

|

Fausto Gresini fissa la targa che commemora Simoncelli

SEPANG, 18 OTTOBRE – Oggi a Sepang, in Malesia, è stata scoperta la targa commemorativa per Marco Simoncelli. E’ stato Fausto Gresini in persona, ex team manager di Simoncelli a fissare la targa dietro la curva 11 del circuito, proprio quella in cui Sic aveva tragicamente perso la vita un anno fa.

La targa commemorativa riporta alla memoria il numero ben in vista sulla sua moto, quel 58 che portava fieramente, e tutte le firme di quello che è stato il suo team, Gresini appunto.

Un momento di commozione e rispetto enormi quando tutti i piloti, i meccanici e i giornalisti si sono recati sul luogo dell’incidente in occasione dell’esposizione della targa.

LE PAROLE DELL’AMICO VALE – Nel corso dell’ultima puntata di Sfide Valentino Rossi ha ricordato Simoncelli con molta sincerità e molta nostalgia, cercando però anche di concentrarsi su momenti felici e divertenti.

Che sfiga! Proprio io dovevo esserci in quel momento…” dice con gli occhi lucidi. “Però non potevo assolutamente evitarlo, non ho potuto fare niente.”

“Ci sfidavamo spesso Sic e io alla Cava, un circuito da cross e ben presto capii il suo talento e le sue doti eccezionali. Era un tipo solare, metteva allegria ed era sempre positivo. Mi ricordo quanto ridevo quando litigava con suo padre, sembrava dovessero prendersi a botte da un momento all’altro.”

Poi la mente torna al momento dell’incidente: “Lui era grosso, cosa che gli è stata fatale perché cadendo ha tirato leggermente su la moto. L’ho visto arrivare contro me ed Edwards in un attimo e dalla tuta ho visto che era lui, ma era tardi. Marco non c’è più, manca a tutti, manca a me che non potrò più sfidarlo e seguire la sua carriera che sarebbe stata quella di un vero campione.”

SuperSic manca a tutti, mancano le sue interviste e il suo sorriso, la sua spontaneità e semplicità. Oggi i suoi amici lo hanno ricordato così, con una targa nel luogo che lo ha strappato troppo giovane alla vita e allo sport che amava alla follia.

Simone Calucci

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending