Sebastian Mongelli

Cavani sbarca a Roma. Pericolo jet lag in vista della Juventus

Cavani sbarca a Roma. Pericolo jet lag in vista della Juventus
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

NAPOLI, 18 OTTOBRE – Il Matador rientrerà soltanto stasera e quindi tornerà a disposizione di Mazzarri soltanto da domani mattina.

PERICOLO JET LAG – L’attaccante della nazionale uruguagia sarebbe dovuto tornare oggi intorno all’ora di pranzo, ma un imprevisto gliel’ha impedito. Il tragitto previsto era La Paz-Montevideo-Buenos Aires-Madrid-Roma, ma qualcosa in termini di tempistica è andata storto e Cavani ha perso una coincidenza, non si è ancora a conoscenza della coincidenza perduta ma fatto sta che il Matador rientrerà a Castelvolturno soltanto stasera. Si vocifera che anche se fosse rientrato in orario non avrebbe potuto svolgere l’allenamento coi compagni, al massimo avrebbe sostenuto un allenamento defaticante. Il problema più importante potrebbe essere quello del fuso orario ma Cavani già quest’estate ha dimostrato in occasione della Supercoppa, proprio contro la Juventus a cui segnò anche una rete, di riuscire a smaltire velocemente il fuso orario ed a ricaricare le energie nervose e fisiche disperse durante tutto il tragitto.

NON SOLO NAPOLI – I problemi dovuti alla sosta però non li ha soltanto la squadra partenopea, Conte infatti è preoccupato per lo stato di forma di Buffon. Il numero uno bianconero infatti ha presenta un’area di edema infiammatorio muscolare a livello dell’adduttore lungo della coscia sinistra, la sue condizioni saranno monitorate giorno per giorno ma decisivo sarà il provino sul campo pochi minuti prima dell’inizio della partita, se non dovesse farcela pronto a sostituirlo Storari. Marchisio invece sembra aver smaltito il problema alla spalla che non presenta nessun tipo di lesioni, e quindi sarà regolarmente a disposizione dell’allenatore bianconero. Vucinic in questi giorni è stato vittima di un attacco febbrile che però non dovrebbe negargli di scendere in campo contro il Napoli.

a cura di Sebastian Mongelli

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *