Fabio Pengo

Caso calcioscommesse: Masiello punta il dito contro la Sampdoria

Caso calcioscommesse: Masiello punta il dito contro la Sampdoria
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

BARI, 5 APRILE 2012 Dopo aver ammesso di aver segnato apposta quell’autorete durante il derby pugliese con il Lecce, Andrea Masiello ha iniziato a rivelare dal carcere nuovi ed interessanti dettagli. A quanto pare l’ex giocatore del Bari, ora tesserato con l’Atalanta, avrebbe svelato agli inquirenti i nomi di altri giocatori e dirigenti di altre squadre coinvolte nel giro delle calcioscommesse che ormai va avanti da sei anni. Quello che ha fatto più scalpore è il caso della Sampdoria già al centro delle indagini per il match del 23 aprile 2011, proprio contro il Bari, vinta per 1-0.

GLI INDAGATI – In quell’occasione il difensore avrebbe provato a corrompere Marco Rossi. Sfortunatamente per lui il giocatore rifiutò l’offerta e i rimbrotti di Bortolo Mutti, allora tecnico del Bari, gli fecero quasi cambiare idea. Ma ecco che a questo punto entra in gioco Stefano Guberti che si sarebbe proposto come intermediario del club doriano. Suona strano il fatto che Guberti non compaia nella lista degli indagati nonostante si è accertato, attraverso i tabulati telefonici, che si sia incontrato Masiello più volte prima dell’incontro. Sfortunatamente l’unico coinvolto nello scandalo non è solo Masiello: secondo Llievsky, uno degli zingari a capo dell’operazione, sarebbero coinvolti anche Sculli, Milanetto e Dainelli. Gli ultimi due in particolar modo per la partita Lazio-Genoa conclusasi 4-2. La giustizia farà il suo corso in questa faccenda ma c’è il rischio che questa non sarà l’ultima volta che sentiremo parlare di questo argomento.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *