Connect with us

Football

Lega Pro, il punto sui campionati dopo la sesta giornata

Pubblicato

|

ROMA, 9 OTTOBRE – Va in archivio anche la sesta giornata dei campionati di Lega Pro e come al solito non mancano le emozioni con gare combattute e avvincenti. Analizziamo quindi le vicende dell’ultimo turno dei campionati di Prima e Seconda Divisione.

PRIMA DIVISIONE – Gran fermento al vertice del girone A di Prima Divisione. La sorpresa arriva da Como dove la capolista Lecce, avanti di due reti, si fa raggiungere dai lariani e interrompe il filotto di vittorie consecutive fermandosi a 5. Il goal di Foti nel primo tempo e il raddoppio di De Rose a inizio ripresa facevano pensare all’ennesimo successo dei salentini ma i padroni di casa riequilibrano il risultato grazie al rigore di Tremolada e al centro di Cia ed ottengono un punto prezioso che li tiene agganciati alla zona playoff. La squadra pugliese viene quindi avvicinata dalla sempre più sorprendente Virtus Entella che chiude la pratica Reggiana con 3 reti nel primo tempo e vola in seconda posizione a 13 punti, a 3 lunghezze dalla capolista. In terza posizione a quota 10 troviamo il Carpi che batte tra le mura amiche per 2 – 1 l’Albinoleffe. I seriani rimangono sempre ultimi a -3 con 4 punti di ritardo dal Treviso che non è andato oltre lo 0-0 casalingo nel derby veneto con il Portogruaro mentre fa un piccolo passo in avanti anche la Tritium che tuttavia non riesce a superare a domicilio il Pavia. La sensazione scaturita da questo inizio di campionato è che le tre compagini che chiudono la classifica dovranno faticare parecchio per uscire dalle sabbie mobili della classifica. Il vertice del girone B è caratterizzato da un grande equilibrio con 9 squadre racchiuse in soli 3 punti. Guida la classifica una coppia tutta laziale composta dal Frosinone e dalla sorpresa Latina, entrambe vittoriose rispettivamente in casa contro l’Avellino per 2-1 e a Barletta per 3-1. I ciociari battono i campani nel big match di giornata approfittando di una partenza sprint, che provoca il vantaggio con un tiro dalla distanza di Gucher, e del raddoppio di Bottone segnato al 10′ della ripresa. Veemente la reazione degli irpini che accorciano con l’ennesimo rigore trasformato da Biancolino ma non riescono a riequilibrare le sorti dell’incontro. L’altra capolista, il Latina, espugna Barletta con un 3-1 che non ammette repliche con i laziali sempre padroni del campo che vanno sul 3-0 grazie alle reti di Agodirin, Tortolano e Cottafava e subiscono la rete della bandiera dei pugliesi ad opera di Lamantia a 20 minuti dalla fine. Ad un punto dalle 2 capoliste il Pisa ed il Viareggio si affiancano all’Avellino grazie al turno casalingo che le ha viste prevalere con lo stesso punteggio di 3-1 rispettivamente sulla Carrarese e sul Catanzaro. In coda ancora sconfitte Carrarese e Barletta che rimangono ferme a 0 e a 2 punti si fa preoccupante la situazione del Sorrento che perde anche ad Andria per 1-0 e rimane solitario in terzultima posizione a soli 4 punti.

SECONDA DIVISIONE – Il girone A della Seconda Divisione vede l’aggancio al vertice con il Forlì e la Pro Patria che appaiano il Savona a quota 13 punti in classifica. I liguri hanno comunque da recriminare per la grande occasione sprecata nella gara casalinga contro il Mantova quando, avanti di 2 reti grazie alla doppietta del solito Virdis sempre più capocannonniere con 9 reti, si sono fatti raggiungere nella seconda frazione di gioco dai lombardi che hanno avuto il grande merito di non arrendersi acciuffando un prezioso pareggio grazie ai centri di Del Sante e Pietribiasi. Come detto il Forlì e la Pro Patria approfittano del mezzo passo falso degli uomini di Corda per raggiungerli al comando grazie ai successi, entrambi per 2-1, contro il Fano a domicilio e contro la Giacomense in trasferta. Da segnalare in modo particolare l’ottimo momento di forma dei lombardi che, dopo la sconfitta nella giornata inaugurale, hanno ottenuto 4 vittorie e un pareggio che li ripropongono come grande favorita per il successo finale che garantirebbe il salto in Prima Divisione. In zona retrocessione preziosissimo successo del Valle d’Aosta che interrompe la striscia di sconfitte consecutive e batte il Renate per 3-2 affiancandosi a 3 punti al Fano e al Milazzo e lasciando al Casale, 1-1 casalingo contro il Santarcangelo, la scomoda posizione di fanalino di coda. Molto critico il momento dei siciliani che hanno subito 11 reti nelle ultime 2 gare e che con 20 segnature al passivo possono vantare la difesa più perforata tra tutte quelle dei campionati di Prima e Seconda Divisione. Nel girone B l’Aprilia tenta la fuga aggiudicandosi l’incontro casalingo contro il Campobasso per 1-0 e ottenendo quindi la quinta vittoria in 6 partite. I laziali hanno avuto bisogno di un rigore realizzato da Ferrari a inizio ripresa per avere ragione dei molisani che raramente hanno impensierito la capolista che avrebbe forse meritato un vantaggio più ampio. In seconda posizione avanza il Pontedera che ha ragione con il minimo scarto del Fondi e si porta a 13 punti, a 3 lunghezze dalla battistrada. Un punto sotto troviamo il Chieti che, nella partitissima di questo turno, ha la meglio del Martina Franca per 4-2 sopravanzando in questo modo i pugliesi che restano fermi a 11 punti al quarto posto in classifica. Nelle zone calde alle sconfitte del Fondi e del Campobasso si aggiunge quella dell’Hinterreggio, che perde in casa per 4-2 contro l’Aquila, mentre Foligno e Borgo a Buggiano non si fanno male nello scontro diretto e affiancano a 4 punti la Vigor Lamezia che cede tra le mura amiche di misura alla Salernitana. Proprio i campani sono la nota lieta della giornata perchè la seconda vittoria consecutiva li allontana in maniera notevole delle posizioni di coda dove si trovavano invischiati fino a poche settimane fa.

a cura di Mauro Leone

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending