Connect with us

Football

Messi, il ritorno di Kakà e il Bayern: la Champions passa da loro

Pubblicato

|

cesc_fabregas_barcellona

MILANO, 5 APRILE – Gol, tante emozioni e sprazzi di grande calcio nei quarti di finale di Champions League. Il Milan, unica squadra porta bandiera dei colori italiani, ha dovuto inchinarsi al Barça di Leo Messi.L’altra accreditata alla vittoria finale, il Real Madrid, travolge sia all’andata che al ritorno un orgoglioso Apoel. Passa con qualche brivido il Chelsea di Roberto di Matteo. Tutto facile, invece per i tedeschi del Bayern, troppo forti per essere impensieriti dall’OM.

MESSI BATTE IL MILAN – Era il duello più affascinante, il derby del mondo, la partita da non perdere. Il doppio confronto tra Milan e Barcellona si lascia dietro qualche strascico. Certamente i catalani hanno dimostrato, nel corso dei 180′, di avere qualcosa in più rispetto ai rossoneri, ma c’è da dire che il Milan ha giustamente qualcosa da recriminare. Aldilà dei clamorosi errori commessi dall’arbitro Kuipers, la sensazione è che i rossoneri potessero e dovessero giocare senza tanti patemi d’animo, mettendo in campo le loro grandi qualità. Un Milan votato all’attacco e più cinico sotto porta, avrebbe potuto mettere in seria difficoltà una difesa blaugrana tutt’altro che imperforabile. Ancora rimandato in campo europeo Zlatan Ibrahimovic, che perde il confronto con Leo Messi, in uno dei tanti duelli di questa grande doppia sfida.

IL RITORNO DI KAKA’, IL CHELSEA E ROBBEN – Zero sorprese per le altre gare dei quarti. La casablanca supera con una facilità disarmante i ciprioti dell’Apoel, grazie anche al ritorno in pompa magna di Ricardo Kakà. Il brasiliano, tornato finalmente a fare il fenomeno, si coniuga bene alla spregiudicatezza e alla grande fase realizzativa di CR7. Soffre incredibilmente ma passa il Chelsea di Roberto Di Matteo. Mostruosa prova di forza del Bayern Monaco che ha letteralmente disintegrato l’OM grazie alle prodezze dei suoi fenomeni.

ROAD TO MUNICHBayern Monaco – Real Madrid e Chelsea – Barcellona. L’esito delle due semifinali dovrebbe essere scontato,almeno in apparenza. Il Bayern Monaco, con una finale da giocare in casa e con la possibilità di realizzare il triplete solo accarezzato nel 2010, punterà tutto sull’entusiasmo e sulla grande classe dei suoi migliori giocatori (Robben, Ribery e Gomez). Nell’altra semifinale, il Chelsea vorrà vendicare l’eliminazione subita proprio dal Barça in semifinale nel 2009 (con lo zampino dell’arbitro Ovrebo).Il Chelsea riuscirà a fermare Messi? I bavaresi saranno in grado di superare lo scoglio Mourinho? Per conoscere le risposte basterà aspettare il 17 Aprile quando il Road to Munich sarà ufficialmente iniziato.

Michele Lestingi

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending