Giuseppe Alessi

Juventus, Lucescu: “Fortissima ma prevedibile in attacco”

Juventus, Lucescu: “Fortissima ma prevedibile in attacco”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

TORINO, 5 OTTOBRE – È l’uomo della settimana Mircea Lucescu. E non perché ha costretto laddove sembrava impossibile – allo Juventus Stadium, appunto – la Juve a un pareggio che è stato definito dagli stessi bianconeri “prezioso”. O almeno, non solo per questo. Il navigato tecnico rumeno, infatti, sembra esser stato l’unico, finora, a trovare il setting su misura per mettere per la prima volta in difficoltà la Juve di Antonio Conte, il quale si è trovato, così, a gestire una situazione inedita.

La terribile – e sfacciata – armata ucraina è sbarcata a Torino senza timori reverenziali e sin dai primi minuti ha imposto il proprio gioco con la grande tecnica di Willian, il dinamismo di Alex Texeira, la freschezza di Luiz Adriano, la corsa di Mkhitaryan e la solidità di Fernandinho. Stavolta l’assist, a tutte quelle squadre che volessero mettere in difficoltà la Juve, l’ha servito proprio Lucescu: “La Juve è una grande squadra – dice il tecnico rumeno a Radio Kiss Kiss – e lo hanno visto tutti. Sembrano imbattibili ma hanno dei punti deboli, come tutti del resto. Il gioco della Juve è fondamentalmente basato sulla corsa e sull’atletismo. Noi però abbiamo fatto girare la palla e abbiamo eluso il loro pressing asfissiante: la Juve ha corso ben 11 chilometri in più di noi. Se devo trovare una falla nel loro gioco, dico che in attacco sono un po’ ripetitivi, fanno le stesse cose e non cambiano. Anche se possono essere pericolosissimi quando, una volta rubata palla, verticalizzano velocemente”.

Prendano appunti i tecnici italiani sulle istruzioni per uso Juventus Stadium, dal quale sono usciti sconfitti Inter, Milan, Napoli, Roma, Lazio, Udinese. Prima degli ucraini solo il Catania, nel marzo scorso, riuscì a segnare prima dei bianconeri allo JS. Era il Catania di Montella, che adesso è alla Fiorentina. E non è un caso che proprio la Fiorentina in occasione dell’ultimo turno infrasettimanale di campionato sia riuscita a mettere in seria difficoltà la Juve. Adesso la contromossa spetta ad Antonio Conte.

Giuseppe Alessi
twitter: @galessi90

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *