Redazione

Psg, Lavezzi scalcia in panchina: in campo appena 7 minuti

Psg, Lavezzi scalcia in panchina: in campo appena 7 minuti
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Entrato al 73' un furioso Ancelotti lo richiama in panchina dopo poco. La nostalgia di Napoli si fa sentire

PORTO, 3 OTTOBRE – Siamo al minuto 73 della partita che vede contrapporsi Porto e Paris Saint Germain quando il mister dei parigini ha bisogno di una svolta per sbloccare il risultato e decide di far entrare Ezequiel Lavezzi. Il “pocho” sostituisce Menez e va a far coppia con Ibrahimovic in attacco, un tiro in porta senza fortuna, poi la scena di Ancelotti che inveisce contro l’argentino. Passano solo 7′ di gioco quando la panchina del Psg chiede di procedere alla terza sostituzione al quarto uomo, che alza il cartello mostrando il numero 27 di Pastore. Al minuto 80 il trequartista ex Palermo è pronto ad entrare, a fargli posto è clamorosamente proprio Lavezzi che nel lento tragitto verso la panchina saluta il compagno e incrocia Ancelotti. I due non si cercano, l’argentino è arrabbiatissimo e giunto in panca prende platealmente a calci una borsa termica facendone volare via il contenuto, sotto lo sguardo indiscreto dei compagni e delle telecamere.

GUAIO FISICO? – Al termine del match il mister Ancelotti spiega alle telecamere il motivo della così repentina sostituzione: “Ha avuto un problema all’adduttore e purtroppo non ha potuto giocare“. Un guaio fisico sembra dunque essere la giustificazione, sebbene riguardando le immagini dei pochi minuti giocati da Lavezzi, i numerosi richiami del suo allenatore lasciano qualche dubbio in merito, considerando anche la veemenza con la quale il pocho scalciava al suo rientro in panchina. Sarà lo sconforto per l’ennesimo stiramento, sarà che fin ora ha collezionato solo quattro presenze e zero reti, ma l’ambientazione al Psg sembra essere lenta e complicata; e l’euforia che si respira in terra partenopea sembra ora essere così lontana.

a cura di Gaetano Galotta

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *