Redazione

Tornado devasta il Texas

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nessuna vittima, ma i danni sono ingenti

Uno dei Tornado formatosi nei cieli del Texas

DALLAS, 4 APRILE 2012 – Il nord del Texas sotto l’effetto della potenza distruttiva di almeno due Tornado. Gravissimi i danni, ma fortunatamente non si sono registrate vittime. Alberi e Pali della luce abbattuti come birilli, tetti scoperchiati, case completamente sventrate, macchine e camion sollevati come fossero aquiloni, il parco di divertimenti Six Flags di Arlington ridotto ad un cumulo di macerie. Ad anticipare l’arrivo del cataclisma, oltre a fortissime raffiche di vento, chicchi di grandine grandi come palle da baseball.

LE ZONE COLPITE – Le zone limitrofe alla cittadina di Forth Worth, a meno di 60 km dalla città di Dallas, risultano le più colpite. Gravi i disagi anche per il traffico aereo, con l’aereoporto internazionale di Dallas-Fort Worth che registra più di 4 ore di ritardi. L’NWS, il servizio meteorologico nazionale, parla di danni ingenti in più di 30 contee attorno alle cittadine di Cleburne e Lancaster.   Sono dieci i feriti e se la lista delle vittime non si è ulteriormente allungata, è anche grazie allo stesso servizio meteo che è riuscito a far scattare in netto anticipo l’allarme Tornado, permettendo alla popolazione locale di prepararsi. Ma nonostante le previsioni, nessuno si aspettava l’intensità e la violenza con cui i Tornado si sono abbattuti sulle contee texane. David Dewhurst, vice-governatore del Texas, ha dichiarato finita l’emergenza ma solo per il momento, avvertendo i cittadini texani di esser pronti per affrontare una lunga stagione dei Tornado.

TESTIMONIANZA VIDEO – Qui di seguito potete prendere in visione un video diffuso da un’emittente televisiva locale, dove si vede distintamente un tornado passare sopra un parcheggio di una compagnia di trasporto su ruote e sollevare da terra motrici e rimorchi per camion, facendoli contorcere e volare con una leggerezza che, in condizioni normali, non gli sarebbe certo propria.

Andrea Marini

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=NTjR91JC850[/youtube]

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *