Redazione

Premier League, 6a giornata: il Chelsea non si ferma, ma crolla lo United

Premier League, 6a giornata: il Chelsea non si ferma, ma crolla lo United
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ottima vittoria del Tottenham sui Red Devils. La rivelazione del campionato si chiama Everton

LONDRA, 30 SETTEMBRE – Con il match delle 17.00 tra Aston Villa e West Bromwich, sempre in attesa del Monday night che vedrà in scena QPR e West Ham, la 6a giornata di Premier League ha ormai espresso i verdetti più interessanti. Conferme, sorprese, delusioni e rinascite: una giornata dalle emozioni più variegate, che scuote la classifica rivelando imprevedibili novità.

IL BIG MATCH: IL CHELSEA SUPERA L’ARSENAL – I blues di Roberto Di Matteo continuano a macinare vittorie, indipendentemente dall’avversario che propone il calendario. A cadere sotto i colpi del Chelsea è questa volta l’Arsenal, sconfitto in casa per 2-1. Nonostante i prezzi da record con cui sono stati venduti i biglietti, il derby londinese fa registrare il tutto esaurito all’Emirates Stadium: inutile però il supporto dei tifosi per un’Arsenal che si trova in difficoltà dopo due giornate da brividi, concluse con un buon pareggio a Manchester e la sconfitta di ieri. Passati in vantaggio con Torres, i blues si fanno raggiungere sull’1-1 lasciando colpevolmente solo in mezzo all’area Gervinho che insacca in girata. Ma a decidere il match è quello stesso Koscielny che aveva siglato il pareggio contro il city: questa volta il difensore dei gunners manda la palla nella rete sbagliata, deviando un tiro che finisce nell’angolino basso. Il Chelsea mantiene le distanze dagli inseguitori, mentre l’Arsenal attende tempi migliori per cercare i 3 punti.

MANCHESTER SCENDE, MANCHESTER SALE – Emozioni contrastanti quelle che questa mattina animano Manchester. Piange, infatti, la sponda dello United, che ha visto la squadra di Ferguson arrendersi per 3 reti a 2 al Tottenham, in una partita densa di occasioni ma cominciata davvero male per i Red Devils, sotto per 2-0 già dopo mezz’ora. Il Manchester United si trova ora a 4 lunghezze dalla vetta della classifica, superato anche dall’Everton vittorioso per 3-1 sul Southampton, mentre gli Spurs si portano ad un solo punto di distanza dalle due big di Manchester. Appunto, il City, l’altra faccia della città. I citizens possono sorridere dopo che la rimonta sul Fulham firmata Aguero e Dzeko (a 3 minuti dal termine) ha permesso l’aggancio ai “cugini” a quota 12 punti.

BENTORNATO LIVERPOOL – Non si trattava certo di uno scontro difficile, ma ad occhi poco attenti quello contro il Norwich City poteva sembrare un scontro salvezza, almeno a giudicare dalla posizione in classifica di un Liverpool partito malissimo. In realtà le potenzialità della squadra di capitan Gerrard sono ben note, e l’avvio disastroso è probabilmente da imputare ad un ritardo nella preparazione andato ad aggiungersi ai difficili impegni contro Arsenal (1a giornata) e United. La dimostrazione è arrivata con l’ottima prova di forza che stende il Norwich per 5-2, grazie alla tripletta di Suarez e alle reti di Sahin e Gerrard. Reds a quota 5: con una classifica ancora così corta tutto è, ovviamente, ancora possibile.

LE ALTRE: SORPRESA EVERTON, PARI WBA – Serve a poco l’iniziale vantaggio del Southampton, realizzato dal volto noto Ramirez, perchè l’Everton di quest’anno è davvero sorprendente: tra il 25′ e il 37′ Osman e Jelavic chiudono la pratica, archiviando altri tre punti pesanti che lanciano la squadra di Moyes al 3° posto in classifica, sopra City e United. Poteva essere anche la giornata del West Bromwich, che con una vittoria avrebbe raggiunto l’Everton: sul campo dell’Aston Villa, in vantaggio al 51′ con Long, il WBA si fa raggiungere a 10′ dal termine con un gol di Bent. Occasione sciupata per i Baggies, che restano in 6a posizione a quota 11, mentre l’Aston Villa raggiunge il Liverpool.

Da segnalare poi il pareggio per 2-2 tra Reading e Newcastle, e le vittorie casalinghe di Stoke City (2-0 allo Swansea) e Sunderland (1-0 al Wigan).

PROSSIMO PARTITE – Da non perdere domani sera il Monday Night tra QPR e West Ham, mentre per la 7a giornata l’appuntamento è a sabato prossimo!

 

Matteo Brutti

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *