Antonio Fioretto

Serie A, Juventus-Roma: il tornado bianconero si abbatte su Zeman. Allo Juventus Stadium è 4-1

Serie A, Juventus-Roma: il tornado bianconero si abbatte su Zeman. Allo Juventus Stadium è 4-1
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

I bianconeri asfaltano la squadra di Zeman. un 4-1 che non lascia spazio a interpretazioni.

TORINO, 29 SETTEMBRE – Ad un certo punto, intorno al novantesimo, si ammirava una sgroppata di Barzagli lungo tutto il campo e un passaggio al bacio a servire Giovinco per il gol del definitivo 4-1. Si capiva in quel preciso istante che la Juventus è un’armata. Non c’è mai stata partita allo Juventus Stadium. Il risultato finale è tutt’altro che menzognero, anzi. I bianconeri sono stati superbi. Davvero un tornado che nessun rifugio avrebbe potuto evitare. Zeman torna a casa sconfitto e deluso. Si, perchè ad una Juve troppo bella risponde una Roma troppo brutta.

PRIMO TEMPO  Si capisce subito che la Juventus è spinta da foga agonistica e motivazioni fuori dal comune. All’ 8′ cross basso di Caceres sul quale Matri manca il pallone e Marchisio spara a lato. Poi, in 8 minuti la Juventus segna tre gol. Pirlo su calcio di punizione, Vidal su calcio di rigore e Matri, che dopo sette mesi torna al gol su grande assist proprio di Arturo. Roma asfaltata e partita finita. Ma i bianconeri continuano a giocare come sanno. Marchisio scheggia la traversa e Vucinic fa lo stesso.

SECONDO TEMPO   Nella ripresa la Juve prova a gestire senza patemi. La roma prova ad uscire dal guscio. Lo fa procurandosi un rigore, trasformato da Osvaldo. Sono 25 minuti di timida reazione giallorossa. Poi, ritorna il monologo bianconero. Ci prova Marchisio che sfiora il palo e al 89′ il summenzionato gol di Giovinco, che salta Stekelenburg, deposita in rete e tira fuori la linguaccia che fu di Alex Del Piero. Va detto ceh, nonostante tutto, nella ripresa la Roma è cresciuta. Ci ha provato di più, tentando una reazione come si diceva, cosa non facile sotto di 3 gol. E poi la vera nota positiva è Florenzi. Ottima prestazione, ennesima, del centrocampista romano che rischia davvero di diventare titolare inamovibile dei giallorossi e che potrebbe imporsi anche a livello Nazionale.

Stasera i meriti vanno allo staff della Juve. Parliamo di Conte e dei suoi collaboratori , che hanno oramai assodato e confermato di aver fatto un lavoro straordinario. Risulta davvero difficile stasera, non apparire tifosi juventini commentando questa partita. I bianconeri volano a 16 punti.

TABELLINO

JUVENTUS 4 (11′ Pirlo, 16′ Vidal rig., 18′ Matri, 89′ Giovinco)
ROMA 1 (69′ Osvaldo rig.)

Le Formazioni

JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Caceres, Vidal, Pirlo, Marchisio (76′ Asamoah), De Ceglie (84′ Pogba); Vucinic, Matri (76′ Giovinco). All.: Carrera

ROMA (4-3-3): Stekelenburg; Taddei, Castan, Burdisso, Balzaretti (34′ Marquinhos); Tachtsidis (63′ Perrotta), De Rossi, Florenzi; Totti (63′ Destro), Lamela, Osvaldo. All.: Zeman

Ammoniti: Bonucci, Matri, Vucinic (J), Balzaretti, Burdisso, Castan, Taddei (R)
Espulsi: nessuno
Arbitro: Rizzoli di Bologna

Antonio Fioretto

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *