Giuseppe Alessi

Premier League, il Chelsea espugna l’Emirates: Arsenal battuto 2-1

Premier League, il Chelsea espugna l’Emirates: Arsenal battuto 2-1
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Le reti di Fernando Torres, Gervinho e Mata

LONDRA, 29 SETTEMBRE – Il 178esimo derby di Londra tra Arsenal e Chelsea se lo aggiudicano i Blues, autori di una prestazione di grande carattere. Solidi in difesa, grazie anche a un Cech in stato di grazia, e cinici davanti con un Torres che si muove tantissimo e che adesso segna pure. Occasione persa per l’Arsenal che ha avuto numerose occasioni per dare un nuovo volto a una gara che porta la firma in negativo di Koscielny, la cui marcatura “amatoriale” su Fernando Torres propizia il primo gol e la cui deviazione sconsiderata su una punizione di Mata, controllata da Mannone, causa il gol del definitivo 1-2.

Wenger sceglie: Mertesacker in panchina, Vermaelen titolare. “Ho scelto la coppia che si possa adattare meglio alla strategia offensiva degli avversari. Il Chelsea è cambiato molto rispetto agli avversari: sono più tecnici e un po’ meno forti fisicamente ma si muovono di più per il campo”.

Di Matteo schiera JT dopo la condanna per razzismo inflitta al difensore dalla FA: “Io ho visto Terry concentrato come sempre, ho parlato con lui e mi ha detto di essere pronto. Abbiamo giocatori più tecnici e meno potenti, dunque abbiamo modificato il modo di giocare. Con l’Arsenal sarà difficile”.

Nell’Arsenal Gervinho parte come riferimento centrale offensivo, con Podolski a sinistra, Cazorla centrale e Ramsey a destra. Ancora fuori Walcott che sconta i suoi continui rifiuti al rinnovo del contratto propostogli da Wenger. A difendere la porta dei Gunners c’è l’italianissimo Vito Mannone, diventato, nella gerarchia di Wenger, il titolare.

Nel Chelsea giocano tutti e tre i fantasisti Mata, Oscar e Hazard dietro a Torres.

LA PARTITA

Buona l’Arsenal dei primi minuti, in cui Gervinho muovendosi per tutto il fronte d’attacco, non offre punti di riferimento agli avversari, cosicché il tridente di trequartisti può pericolosamente inserirsi. Proprio seguendo una trama del genere, Cazorla va al tiro da buona posizione al limite dell’area, ma la sua conclusione finisce alta.

Al 17′ esce Diaby per infortunio, l’ennesimo della sua storia, ed entra Chamberlain che si posiziona largo a destra e Ramsey ritorna a fare il centrale di centrocampo. Al 20′ si sblocca il risultato: Fernando Torres arpiona il pallone con il destro e, di prima, insacca alle spalle di Mannone, riuscendo così ad eludere la pressione di Koscielny. Su un capovolgimento di fronte, Torres si ritrova lanciato a tu per tu con Mannone ma perde tempo e poi scivola, mancando così una grossissima occasione.

L’offensiva dell’Arsenal non riesce a concretizzarsi in nulla di veramente serio da creare dei problemi a Cech, che, di fatto, non è mai impegnato seriamente durante la prima frazione. Fino al 42′ quando un’azione ben sviluppata da Arteta, Jenkinson e Chamberlain si traduce in perfetto cross rasoterra del nuovo entrato che riesce a imbeccare Gervinho posizionato appena fuori dall’area piccola che batte in porta di controbalzo: 1-1. Il finale di tempo è di marca Gunner.

Il secondo tempo si apre con una bella incursione di Podolski che serve Cazorla, il quale, da buona posizione, colpisce solamente l’esterno della rete. La brutta partita di Koscielny diventa da incubo, quando, su punizione di Mata calciata in direzione del secondo palo, devia di quel tanto che basta per mandare fuori tempo Mannone. Il Chelsea si porta così sul 2-1. La reazione dell’Arsenal è veemente e un colpo di testa di Podolski indirizzato in porta viene sventato da un grande colpo di reni di Cech. Entrano Walcott e Giroud al posto di Ramsey e Podolski, cambi, questi, che vogliono dare una sferzata in senso dichiaratamente offensivo. Al 72′ un’altra bellissima e difficilissima parata di Cech su tiro deviato di Giroud. All’80’ Gibbs atterra al limite dell’area Mata che aveva scambiato bene con Torres. Dalla conseguente punizione, lo stesso Mata colpisce la barriera. L’Arsenal attacca però è all’83’, su una punizione calciata in maniera perfetta da Cazorla, Giroud colpisce di testa il palo. I Gunners continuano ad attaccare ma senza la giusta convinzione. All’89’ l’ennesimo tiro fuori misura di Santi Cazorla, autore di una sufficiente prestazione. Di nuovo Arsenal: imbeccato benissimo da Chamberlain, Giroud si defila, manda fuori causa Cech ma non riesce a centrare lo specchio della porta. Sfuma così l’ennesima e ultima occasione di pareggiare per gli uomini di Wenger. Finisce 2-1 per il Chelsea di Di Matteo che adesso si porta

ARSENAL (4-2-3-1) – Mannone; Jenkinson, Koscielny, Vermaelen, Gibbs; Diaby (17′ Oxlade-Chamberlain), Arteta; Ramsey (67′ Walcott), Cazorla, Podolski (67′ Giroud); Gervinho.

CHELSEA (4-2-3-1) – Cech; Ivanovic, David Luiz, Terry, Cole; Ramires, Obi Mikel; Mata, Oscar (74′ Moses), Hazard; Torres.

 MARCATORI: 20′ F. Torres, 42′ Gervinho, 53′ Mata.

Giuseppe Alessi 

twitter: @galessi90

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *