Redazione

Lega Pro, il punto sui campionati dopo la quarta giornata

Lega Pro, il punto sui campionati dopo la quarta giornata
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

ROMA, 26 SETTEMBRE – Anche la quarta giornata dei campionati di Lega Pro è andata in archivio e le classifiche cominciano a delineare i valori in campo. Vediamo il punto dettagliato dell’ultimo turno andato in scena nello scorso fine settimana.

PRIMA DIVISIONE – Nel girone A il Lecce continua a recitare il ruolo da protagonista che i pronostici di inizio campionato gli attribuivano. I salentini passano anche a Treviso vincendo per 3 – 1 e comandano sempre la classifica a punteggio pieno con 12 punti in 4 partite. La gara, disputata su un campo ai limiti della praticabilità, è stata comunque molto combattuta ed equilibrata ma alla fine ha prevalso la maggiore caratura dei pugliesi mentre i veneti sono arrivati alla quarta sconfitta consecutiva che li lascia a zero punti in classifica.  Dopo il vantaggio di Chiricò al 21′ gli uomini di Franco Lerda hanno subito la reazione dei padroni di casa che hanno pareggiato grazie ad un rigore trasformato da Tarantino mentre nella ripresa Foti e Memushaj segnano le reti che valgono l’ennesimo successo ai giallorossi. Alle spalle della battistrada continua l’ottimo momento della Virtus Entella che si impone per 3 – 2 sul Trapani in una sfida molto combattuta e si isola al secondo posto a 3 punti dalla capolista mentre dietro si registrano solo battute d’arresto con il Carpi fermato sul pari casalingo dalla Cremonese e la Reggiana e lo stesso Trapani sconfitte in trasferta. In zona retrocessione detto del Treviso, che in seguito alla penalizzazione di 1 punto comminata ieri scende a -1 in classifica, c’è da registrare un altro piccolo passo dell’Albinoleffe che prende 1 punto a Cuneo a si porta a 4 lunghezze dallo zero in classifica mentre la Tritium rimane ferma a 1 punto a causa del turno di riposo. Nel girone B si arresta la corsa del Perugia che perde i primi punti della stagione pareggiando per 1 – 1 sul campo dell’Andria. Partita difficile quella degli umbri già sotto dopo soli 5 minuti grazie alla rete di Larosa ma abili a riequilibrare il risultato verso la metà del primo tempo con Politano. Nella ripresa il ritmo cala e non si registrano grosse emozioni con gli ospiti che raccolgono un punto prezioso che gli consente di mantenere la vetta del girone. Il Perugia viene quindi avvicinato al comando della classifica a 8 punti dal Latina che batte tra le mura amiche il Sorrento per 1 – 0. I laziali erano stati momentaneamente appaiati alla capolista per poi essere sanzionati di 1 punto nella giornata di ieri venendo quindi rispediti al secondo posto della graduatoria. Nelle prime posizioni la classifica è cortissima in quanto a 8 punti troviamo anche il Frosinone e l’Avellino, corsari rispettivamente per 1 – 0 a Prato e per 2 – 1 a Benevento, mentre una lunghezza più sotto ci sono il Viareggio, che si è aggiudicato per 3 – 1 il derby toscano a Carrara, e il Gubbio che ha regolato il Pisa per 2 – 1. In coda sempre a zero punti la Carrarese mentre il Barletta raccoglie il secondo pareggio consecutivo impattando sul campo amico per 0 – 0 con la Nocerina e raggiunge a quota 2 l’Andria, sceso di un punto in seguito alla penalizzazione inflittale ieri dalla Disciplinare.

SECONDA DIVISIONE – Nel girone A di Seconda Divisione il Savona vince ancora e continua la sua corsa al vertice grazie alle 4 vittorie ottenute in altrettante partite. Ancora una volta sugli scudi il capocannonniere Virdis che realizza una doppietta nel 3 – 0 rifilato dai liguri al Monza e si stacca al comando della classifica dei marcatori con 7 reti. All’inseguimento dei biancoazzurri a 3 punti di distanza troviamo l’Alessandria, che batte al “Moccagatta” il Santarcangelo per 2 – 0 e la coppia Forlì-Renate che firmano le imprese di giornata andando ad espugnare i campi della Giacomense e del Mantova. Ancora un mezzo passo falso della Pro Patria che pareggia per 2 – 2 a Milazzo e a 7 punti naviga in quinta posizione staccata di 2 lunghezze dal terzetto posizionato nella piazza d’onore. In coda comincia a farsi preoccupante la situazione di Casale e Valle d’Aosta, che adesso si trovano rispettivamente a -3 e a 0 punti in classifica a causa delle penalizzazioni inflitte ieri dalla Disciplinare, rispettivamente di 4 punti per i piemontesi e 1 punto per i valdostani. I nerostellati stanno forse pagando le disavventure societarie che in estate avevano messo addirittura in dubbio l’iscrizione al campionato mentre i valligiani probabilmente non hanno ancora completato il processo di adattamento dopo il salto di categoria avvenuto grazie alla vittoria nel campionato di serie D dello scorso anno. E domenica prossima le due compagini si sfideranno in uno scontro diretto per cercare di rilanciarsi cominciando la rincorsa a posizioni più tranquille di classifica. Nel girone B il Chieti approfitta del pareggio per 1 – 1 dell’Aprilia contro l’Hinterreggio per ridurre la distanza dalla vetta della classifica grazie al successo casalingo per 2 – 0 ai danni del Campobasso. I neroverdi hanno prevalso abbastanza agevolmente sui molisani grazie alla doppietta di un sempre più decisivo De Sousa che si è portato in testa alla classifica dei marcatori con 4 reti a pari merito con Grassi del Pontedera e Ferrari dell’Aprilia. I teatini, gravati di 1 punto di penalità nella giornata di ieri per il mancato deposito della cauzione fideiussoria, sono appaiati in seconda posizione con 9 punti al Pontedera che vìola il campo del Foligno per 2 – 1 aggravando la crisi degli umbri a conferma di un lungo momento negativo iniziato con la retrocessione dalla Prima Divisione dello scorso anno. Classifica molto corta in coda dove ci sono 5 compagini posizionate a pari merito, in ultima posizione, con 2 punti. Tra i fanalini di coda ottimo il punto conquistato dalla Salernitana sul campo dell’Arzanese e dal Fondi a l’Aquila mentre il Melfi ha ceduto l’intera posta sul campo del Poggibonsi e l’Hinterreggio, come detto, ha fermato la corsa dell’Aprilia pareggiando per 1 – 1. Discorso a parte merita il Campobasso che ha ottenuto sul campo 4 punti ma ne può vantare solo 2 in classifica a causa della penalizzazione inflittagli dalla Disciplinare. Un punto più in alto troviamo Foligno e Borgo a Buggiano con i toscani che stanno faticando a ripetere il brillante campionato disputato nella scorsa stagione agonistica.

a cura di Mauro Leone

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *