Giovanni Nole

Bundesliga, anticipi 5a giornata: il Bayern passeggia sul Wolfsburg, che pasticcio il Dortmund!

Bundesliga, anticipi 5a giornata: il Bayern passeggia sul Wolfsburg, che pasticcio il Dortmund!
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MONACO DI BAVIERA, 25 SETTEMBRE – Divertimento ed emozioni non sono di certo mancati in questa prima parte di turno infrasettimanale valido per la quinta giornata di Bundesliga. In campo le due principali contendenti al titolo, Bayern Monaco e Borussia Dortmund, che se la vedranno rispettivamente all’Allianz contro il Wolfsburg di Magath e fuori casa col Francoforte. Due partite che, però, avranno un copione ben differente: il Bayern Monaco, infatti, sbeffeggia gli uomini sponsorizzati dal Maggiolino con un netto tre a zero che, però, forse rende addirittura poco l’immagine di potenza e dominio assoluto espressa dagli uomini di Heynckes, unica squadra in campo all’Allianz Arena questa sera. Partita, invece, completamente diversa per la squadra che proviene dalle due vittorie consecutive del Meisterschale: il team di Jurgen Klopp viene infatti rimontato due volte nel corso del secondo tempo, dopo esser passata per due volte in vantaggio, gettando così al vento due punti importanti già tra le mani dei giallo neri e che mandano il Bayern, già in fuga con 5 vittorie in altrettante gare di campionato, a +7 dai campioni uscenti.

PASSEGGIATA A MONACO – Il Bayern inizia il match con qualche novità di formazione rispetto all’ultima di campionato disputatasi, e vinta, contro lo Schalke per 0-2: a differenza del match della Veltins Arena, infatti, partono titolari Shaqiri e Robben, che prendono il posto dei match-winner di sabato Toni Kroos e Muller, che si accomodano in panchina; inizia dal 1’ anche Mandzukic, grande ex, che con la maglia colorata di verde ha tanto impressionato l’anno scorso. Nel Wolfsburg, invece, nessuna novità particolare: partono dall’inizio Olic, altro ex di turno, Diego, vecchia conoscenza del calcio italiano per aver militato nella Juve, e Bas Dost, ex capocannoniere della Eredivise con il Feeyenord e ideale sostituto del gigante croato partito quest’estate in direzione Monaco. Quello che inizia puntualmente alle 20.00, però, non è un match: è una gara al massacro. Tanto per mettere le cose in chiaro, il Bayern prende subito due legni, entrambi con Schweinsteiger al 3’ e al 18’. Il gol è nell’area, e infatti arriva poco dopo. Indovinate chi segna? Ancora lui, il mattatore di questo primo tempo, proprio Bastian Schweinsteiger: Ribery riceve da Robben, incursione dentro l’area e cioccolatino per il centrocampista tedesco di fronte al portiere solamente da scartare e da far sciogliere in bocca: 1-0, col risultato che quasi grazia gli uomini di Magath. Il dominio del Bayern è quasi irrisorio: Mandzukic prima del fischio dell’arbitro a segnalare la fine del primo tempo va due volte vicinissimo alla rete dell’ex. Che, però, arriverà dieci minuti dopo l’inizio del secondo tempo: grande pennellata in mezzo di Shaqiri, elevazione impressionante del croato che schiaccia di testa e porta sul 2-0 la propria squadra. Un azione con nomi tutti nuovi quella che chiude definitivamente la pratica Wolfsburg per il Bayern, nomi che rappresentano i principali acquisti della campagna trasferimenti estiva conclusasi ad agosto. Pochi giri di lancetta devono passare affinchè Mandukic realizzi ancora: ancora di testa, ancora su un assist delizioso, stavolta da parte di Capitan Lahm. Da quel momento, il Bayern si limita a gestire con facilità impressionante e a congelare la partita: finisce 3 a 0, e il ruolino di marcia della squadra della capita continua infermabile.

SCIUPONE DORTMUND – Incredibile, invece, quello che è accaduto Francoforte. Il Borussia Dortmund, proveniente dalla debacle con l’Amburgo e con Mario Goetze che parte dalla panchina, domina il primo tempo e lo chiude addirittura col doppio vantaggio, siglato prima da un gol (fortunoso a dir la verità) di Piszceck e poi da una gran rete dalla distanza del solito Marco Reus. Borussia che sembra quindi avere match e tre punti in mano: ma nei primi minuti della ripresa, ecco che con un uno-due shock (firmato da Aigner e Inui) tra il 49’ e il 51’ il Frankfurt agguanta un pareggio insperato. A far svanire i momentanei sogni di gloria per la squadra di casa ci pensa però proprio Goetze, entrato nel secondo tempo al posto di Reus, che al 54’ riporta i giallo neri in vantaggio. E seppur da quel momento ad attaccare sia stato solo il Frankfurt, la sicurezza di portare a casa il bottino pieno si impossessava nuovamente degli uomini di Klopp. Che, però, cadono nella stessa trappola, quando al 73’ Anderson firma il nuovo pareggio della squadra casalinga. Gli ingressi di Grosskreutz e Gundogan non bastano a dare una nuova svolta alla gara: finisce 2 a 2, col Dortmund che sciupa la possibilità di rimanere attaccato ad un Bayern Monaco sempre più in fuga.

ALTRI RISULTATI – Altri due match si sono disputati in questa serata di Bundes: il primo, quello tra Schalke e Mainz, finisce 3-0 per i biancocelesti grazie alle realizzazioni di Farfan (su rigore procurato dal nuovo arrivato Afellay), Holtby e Pukke; il secondo, il derby tra neopromosse, Furth – Dusseldorf, finisce 0-2 per la squadra ospitata, con le reti di Fink e Ilso.

 

A cura di Giovanni Nolè

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *