Sebastian Mongelli

Confermate le squalifiche per Allegri e Maxi Lopez

Confermate le squalifiche per Allegri e Maxi Lopez
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MILANO, 25 SETTEMBRE – A nulla sono serviti i ricorsi fatti dal Milan e dalla Sampdoria per ridurre rispettivamente le squalifiche di Massimiliano Allegri e Maxi Lopez.

FRASI INGIURIOSE – Il giudice sportivo Tosel ha respinto il ricorso effettuato dalla società milanese. Niente Cagliari per Allegri che quindi non potrà sedersi in panchina domani sera. Il tecnico rossonero infatti era stato squalificato per una giornata “per avere, al termine della gara, all’ingresso degli spogliatoi, contestato l’operato arbitrale rivolgendo al Direttore di gara espressioni ingiuriose“. Allegri si difende affermando di aver contestato soltanto tecnicamente la prestazione dell’arbitro Celi senza l’utilizzo di insulti o parolacce.

MAXI DOUBLE FACE – Anche il ricorso della Sampdoria è stato respinto dal giudice sportivo, e quindi confermate le due giornate di squalifica e conseguente assenza nelle partite con Roma e Napoli. L’attaccante argentino ha mostrato però in pochi minuti il suo lato buono e quello cattivo. Il lato “buono” si è visto in occasione del calcio di rigore a favore della Sampdoria, il primo tiratore infatti sarebbe l’argentino che però alla richiesta da parte di Nicola Pozzi di poter tirare il rigore al suo posto ha accettato volentieri consentendo a colui che lo scorso anno ha contribuito a suon di gol alla promozione della Samp in Serie A di batterlo. Poco prima di entrare negli spogliatoi però è venuto fuori il lato “cattivo“, infatti l’attaccante è stato squalificato perchè “al termine della gara ha colpito con un calcio la porta dello spogliatoio riservato agli ufficiali di gara, indirizzando ad alta voce nei loro confronti espressioni ingiuriose“, questo è quanto riporta il verbale redatto dagli ufficiali di gara. Per Maxi oltre alle due giornate di squalifica sarà sanzionato disciplinarmente dalla società.

a cura di Sebastian Mongelli

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *