Redazione

Calciomercato, Neymar è pronto per il Barcellona

Calciomercato, Neymar è pronto per il Barcellona
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nella trattativa potrebbe essere coinvolto anche Robinho che tornerebbe al Santos

BARCELLONA, 25 SETTEMBRE – 194 presenze tra coppe e campionati di massima serie, 116 reti realizzate, 3 volte campione del Brasile, una vittoria in Coppa Libertadores e un argento olimpico. A prima vista potrebbe sembrare il palmarès di un calciatore sulla via del tramonto, giunto alle ultime emozioni della sua carriera. Si tratta invece delle conquiste di uno dei talenti più in vista delle ultime stagioni, Neymar da Silva Santos Junior, conosciuto come Neymar, che a soli 20 anni ha una storia ancora tutta da scrivere.

IL BRASILE – Nato a Mogi das Cruzes, in Brasile, il 5 febbraio 1992, Neymar è cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Santos, con il quale ha esordito nel campionato Paulista nel 2009. Eletto miglior giocatore sudamericano nel 2011 dal quotidiano francese El Pais, a soli 19 anni è finito nelle mire dei più grandi club europei, il Barcellona su tutti. Per lui sono state spese parole importanti da parte di mostri sacri del calcio come Pelè, che ne ha intravisto un suo potenziale erede, mentre i calciatori sudamericani facevano a gara per convincerlo a trasferirsi nei loro rispettivi club. Neymar, però, ha dimostrato lealtà nei confronti del Santos, rifiutando le ricche offerte europee pur di rimanere nel suo Brasile. Dirigenti e allenatori che tanto avevano sognato il gioiellino bianconero sono tornati in patria con un pugno di mosche in mano, costretti ad attendere la piena maturazione di Neymar. Lui, tutt’altro che preoccupato dalla situazione, tra un gol e una prodezza trova pure il tempo di lanciare verso il successo il mercato discografico sudamericano: Neymar balla nello spogliatoio, qualcuno lo riprende e la canzone fa il giro del mondo.

“BARCELLONA, MA SENZA FRETTA” – Quando però qualcuno chiede a Neymar che cosa ne sarà del suo futuro, il giovane attaccante brasiliano dimostra di avere le idee chiare. Lo ha fatto capire durante le scorse sessioni di mercato, quando in barba alle tentazioni delle ricche offerte provenienti dalla Spagna, è rimasto fedele alle sue parole non abbandonando il Santos. “Resterò qui fino al 2014” aveva detto. E tutto lascia ad intendere che il suo futuro sia a tinte blaugrana.

Come previsto, forse grazie alla scelta saggia di rimanere in Brasile, il talento di Neymar non è stato bruciato come quello di molti giovani sudamericani ora dimenticati sulle panchine di allenatori poco coraggiosi. In Spagna, però, non riescono a darsi pace ogni volta che i tocchi delicati e le prodezze di Neymar compaiono  sugli schermi e sui giornali.

IMPAZIENTI SPAGNOLI – Ed è proprio la stampa iberica ad annunciare che i tempi per il trasferimento del brasiliano al Barcellona potrebbero essere molto più brevi del previsto. A smuovere le carte sarebbe stata una recente e ricca offerta del Paris Saint Germain, che non sta certo badando a spese, rifiutata però dal Santos. La spiegazione che viene fornita dagli spagnoli dopo il “no” dei brasiliani è molto semplice. Neymar non può andare a Parigi, perchè protetto da un accordo già siglato dal Santos con il Barcellona: se il gioiellino di Mogi dovesse finire in un club diverso da quello catalano, gli attuali proprietari del suo cartellino sarebbero costretti a pagare una penale di 40 milioni alla società di Sandro Rosell. La strada è già segnata.

COINVOLTO ANCHE IL MILAN: ROBINHO VA – La notizia per il calcio italiano è che la trattativa che porterebbe Neymar al Barcellona potrebbe coinvolgere collateralmente anche il Milan. Si tratta, per ora, di voci non confermate, ma con l’ormai certa partenza del suo attaccante più prezioso, il Santos ha individuato come sostituto l’attuale punta del club rossonero Robinho. Si tratterebbe naturalmente di un clamoroso ritorno che potrebbe far ritrovare il sorriso ai tifosi bianconeri, e che aprirebbe nuovi scenari di mercato per il Milan. Da verificare chi ne trarrà i maggiori benefici.

 

Matteo Brutti

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *