Giovanni Nole

Bundesliga, 4a giornata: il Leverkusen domina ma non vince, è 1-1 col Gladbach

Bundesliga, 4a giornata: il Leverkusen domina ma non vince, è 1-1 col Gladbach
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La BayArena, stadio che ospita le partite casalinghe del Bayer Leverkusen

LEVERKUSEN, 23 SETTEMBRE – Finisce uno a uno il posticipo della domenica valido per la quarta giornata di Bundesliga tra il Bayern Leverkusen e il Borussia Moenchengladbach. Una partita sulla carta interessantissima, con due squadre di ottimo tasso tecnico che si affrontano l’un l’altro in ottica soprattutto qualificazione Champions League. Entrambe le squadre vengono da uno 0-0 in Europa League , dove nell’occasione i due team tedeschi hanno affrontato le rispettive squadre avversarie (AEL Limassol per il Gladbach e Metalist Kharkhiv per il Leverkusen) con una squadra rimaneggiata da seconde linee, in vista proprio dell’importantissimo match di oggi. Il Gladbach, sorpresa dell’anno passato, vuole confermare le buone impressioni destate l’anno scorso quando si qualificarono ai preliminari di Champions ottenendo il quarto posto in campionato (per poi però perdere nel turno preliminare con la Dinamo Kiev, retrocedendo in Europa League), mentre il Leverkusen, ambizioso e proveniente da una stagione così così, vuole riottenere l’Europa che conta, contrastando in casa una delle sue avversarie dirette. Le due squadre si presentano in campo con la formazione tipo, lasciando comunque qualche titolare in panchina (Sam, Augusto e Schwaab per la squadra che gioca in casa; Domunguez, Hanke e De Camargo per il Gladbach). Finisce con un pareggio che lascia l’amaro in bocca soprattutto al team guidato da Hyppia e Lewandowski (no, non quel Lewandowski, ma sì, quell Hyppia è l’ex giocatore del Liverpool), che ha dominato per la maggior parte della partita sprecando tanto, addirittura un rigore nel secondo tempo. Ma vediamo nel dettaglio cosa è successo durante la partita.

PRIMO TEMPO: Seppure la gara verrà a lungo dominata dal Bayer, è il Gladbach a partire forte, portandosi addirittura in vantaggio dopo soli tre minuti: bellissimo lancio in profondità del genio Arango, Herrmann controlla benissimo in mezzo alla linea difensiva scoperta del Leverkusen e, di fronte al portiere Leno, non sbaglia: subito zero a uno con un grande gol del talentino tedesco, e Leverkusen che deve correre ai ripari. Difatti, i rossoneri reagiscono subito: prima Kadlec al decimo minuto va vicino al gol con una bella punizione deviata dalla barriera, e poi segna davvero, due minuti dopo, con un gran sinistro dal vertice largo, anch’esso sinistro, dell’area avversaria: è 1 a 1. A pareggio raggiunto, il Leverkusen attacca con meno frenesia, seppur si renda spesso pericoloso, e specialmente sui calci d’angolo: Bellarabi e Schurrle in maniera particolare vanno vicini al tap in che porterebbe il Leverkusen in vantaggio, ma di fatto il primo tempo si conclude sull’uno a uno: dopo i botti iniziali, null’altro di particolarmente incisivo da entrambe le parti.

SECONDO TEMPO: Il secondo tempo, iniziato con gli stessi effettivi del primo, parte anche con lo stesso copione dei primi 45 minuti: Leverkusen che attacca e Gladbach che si limita a contenere, cercando di tanto in tanto di rendersi pericoloso in contropiede. Nel giro di due minuti, tra il 55’ e il 56’, il Bayer va vicinissimo al gol con la sua punta migliore Kiessling, che prima di testa da corner e poi con un destro da fuori area impegna Ter Stegen in due grandi parate. Quello del Leverkusen è un assedio:Tra il 61’ e il 64’ Bellarabi, di nuovo Kiessling e Bender vanno al tiro, in particolare quest’ultimo con una conclusione pericolosissima al limite dell’area porta il Leverkusen vicino al completamento della rimonta, con Ter Stegen che tiene ancora vivi i suoi. Lucien Favre, mister del Gladbach, decide di dare una scossa ai suoi inserendo, al 66esimo, De Camargo per uno spento De Jong e Hanke per Cigerici, ma la musica non cambia: il Leverkusen, che ha appena sostituoti Sam per Bellarabi, va vicinissimo al gol con un bellissimo tiro di Andre Schurrle diretto all’incrocio: ancora Ter Stegen, con un miracolo, inchioda il risultato sull’1 a 1. Ma neanche il tempo di respirare, che il portierone del Gladbach si ritrova ad affrontare la prova più grande della sua partita: controllo in aria di Sam, fallo di mano di Brouwers e, al 69esimo, è calcio di rigore per il Bayer Leverkusen. Occasione d’oro per Schurrle per rifarsi e per portare i tre punti a casa, ma incredibilmente sciupa mandando la palla sul palo. E col Bayer che spreca la più grossa delle occasioni, i ritmi vanno ora calando, col Gladbach che continua a contenere e il Leverkusen che sembra quasi scoraggiato. Poco da segnalare da lì in poi, se non un colpo di testa pericoloso dentro l’area di Hanke e una conclusione di Kadlec Fuori. Finisce dunque così: 1 a 1 tra Leverkusen e Gladbach alla BayArena, col Bayer che ha tanti motivi per rammaricarsi per aver buttato via due punti che, contro un’avversaria diretta, sarebbero potuti essere a dir poco fondamentali.

UOMO PARTITA SPORTCAFE24: Sicuramente Ter Stegen, il chè dice tutto su come è andata la partita: coi suoi grandi interventi ha tenuto vivo il Borussia, regalando un punto ai suoi in una partita veramente difficile.

 

A cura di Giovanni Nolè

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *