Redazione

Stoner, nuova stagione, stesso risultato: l’obiettivo è vincere

Stoner, nuova stagione, stesso risultato: l’obiettivo è vincere
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Casey Stoner

Casey Stoner

È il campione in carica, è l’uomo da battere: Casey Stoner si appresta a cominciare la stagione 2012 da grande favorito anche alla luce dei test invernali, che lo hanno visto primeggiare sia in Malesia che a Jerez, in Spagna.

La carriera:

Sono passati esattamente 10 anni dalla prima stagione dell’australiano nel motomondiale: quell’anno stipulò un contratto con Lucio Cecchinello per l’Aprilia 250 come compagno di box di Carlos Checa, finendo 12° in classifica con 68 punti; l’anno dopo continua con l’Aprilia ma in 125, dove completa la stagione 8° in classifica con 125 punti, vincendo il suo primo gran premio a Valencia e conquistando la sua prima Pole Position in Italia. Nel 2004 passa alla KTM come compagno di squadra di Mika Kallio, concludendo 5° nella classifica generale con 145 punti. L’anno dopo ritorna in 250 sempre con l’amico Luca Cecchinello in squadra con Lorenzo Locatelli: conclude l’anno al 2° posto dietro Dani Pedrosa con 5 vittorie.

Il 2006 è l’anno dell’esordio in MotoGP in sella alla Honda del team Cecchinello: Casey si guadagna il titolo di “Rolling Stoner” per le numerose cadute che hanno caratterizzato la sua stagione: nonostante questo, chiude la stagione con un ottimo 8° posto nella classifica finale. L’anno dopo segna una svolta epocale nella sua carriera: Stoner passa alla Ducati ufficiale con Loris Capirossi, grazie anche a Filippo Preziosi che gli affida una moto perfetta per lo stile di guida dell’australiano. Stoner riesce a vincere il suo primo titolo in MotoGP con tre gare in anticipo, festeggiando a Motegi in Giappone. In sella alla Desmosedici guida anche l’anno dopo e grazie a 6 vittorie porta la Ducati al secondo posto in classifica dietro la Yamaha di Valentino Rossi. L’anno successivo è il più problematico della sua carriera: il 2009 di Stoner inizia bene, ma è costretto a dare forfait a Brno, Indianapolis e Motegi per il persistere di un dolore allo stomaco che non gli permette di volare in sella alla Ducati: riesce comunque a completare la stagione al 4° posto in classifica generale. Il 2010 chiude nuovamente quarto la sua ultima stagione in sella alla casa italiana: Stoner firma un contratto con la Honda, che gli mette tra le mani una moto praticamente perfetta e che lo porta a vincere con grande facilità il Motomondiale 2011.

Finalmente si comincia:

Stoner ha recentemente espresso la sua voglia di incominciare questa stagione del MotoGP:” Abbiamo fatto degli ottimi test e andiamo in Qatar con ottime sensazioni in vista della gara; dobbiamo ancora lavorare un po’ sulla messa a punto per rendere la moto ancora più veloce, ma siamo già ad un ottimo livello. Sono molto motivato e non vedo l’ora di scendere in pista e lottare“.

Losail, pista fortunata:

Il campionato inizia proprio in una delle piste preferite da Casey Stoner: in Qatar, su 8 gran premi disputati, 4 sono stati vinti dall’Australiano, che detiene anche il record di velocità in pista fissato a 1:55.153.

La Honda è più forte che mai, e Casey non sembra appagato dalla stagione scorsa: il risultato non potrà essere che tanto divertimento per gli appassionati della MotoGP.

 

Matteo Mistretta

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *