Redazione

Formula 1, 14a prova: tutto pronto per il Gran Premio di Singapore

Formula 1, 14a prova: tutto pronto per il Gran Premio di Singapore
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

SINGAPORE, 21 SETTEMBRE – Come fulmine a ciel sereno, il circus di Ecclestone si prepara a spezzare il pacifico clima lunare del Marina Bay – Singapore Street Circuit. Il tracciato del piccolo stato a sud della penisola malese racchiude in sé un enorme quantitativo di insidie che rendono più che mai determinanti le gerarchie in griglia. Circuito cittadino e luci artificiali sono sinonimo di un valore aggiunto nel coefficiente di difficoltà legato in gran parte a sconnessioni del manto stradale e a modifiche delle abitudini di vita dei piloti. Costituito da 26 curve, il tortuoso Gran premio di Singapore premia le vetture che sapranno essere “gentili” con gli pneumatici mantenendo un elevato carico aerodinamico. Se infatti le coperture sono denominatore comune per tutte le monoposto, il pacchetto aerodinamico sarà chiamato a fare la differenza in decelerazione e uscita di curva dove pilota e gomme dovranno contrastare le elevate sollecitazioni della forza centripeta. Pirelli per questa gara propone mescole soft e supersoft efficaci nel mantenere la vettura ancorata al terreno nonostante i forti cambi di direzione. La scelta degli pneumatici sarà certamente influenzata dagli alti tassi di umidità e dai temporali tropicali caratteristici della zona.

I FAVORITI Sebastian Vettel si candida al duplice ruolo di terzo incomodo nonché alleato di Alonso. La Red Bull del tedesco è sicuramente la miglior interprete di un circuito in cui l’aerodinamica la fa da padrone. Da tenere in considerazione anche il grande stato di forma della McLaren. Hamilton, reduce dal successo di Monza, crede nella rimonta e se sarà abbastanza maturo da non assumere una guida troppo aggressiva, gestendo il degrado delle gomme potrà giocarsela ad armi pari con le Red Bull. Infine, i muretti cittadini prossimi al tracciato e la difficoltà delle curve lasciano bassissimi margini di errore al pilota: ciò costituisce per la Ferrari, che ha in Alonso l’elemento più talentuoso del lotto, un argomento favorevole.

LE PRIME LIBERE Da poco concluse, le prime prove libere hanno visto in testa Vettel che ha fermato il cronometro a 1’50”566 a seguire Hamilton, Button e Alonso. Poco indicativa questa sessione, dato che il circuito è rimasto umido per gran parte del tempo a causa di un temporale abbattutosi poche ore prima.

I PRECEDENTI Il gran premio di Singapore si corre dal 2008 in notturna illuminato dalle luci artificiali della ditta ravennate di Valerio Maioli. I riflettori nostrani nei quattro precedenti hanno illuminato le vittorie di Alonso su Renault nel 2008, di Hamilton nel 2009, di nuovo Alonso, ma su Ferrari, nel 2010 e Vettel nel 2011. Da ricordare l’episodio del 2008 quando Bruno Senna provocò un incidente che favorì la vittoria di Alonso, episodio questo poi messo sotto inchiesta dalla FIA e che costò la radiazione a Briatore, in seguito ridimensionata a squalifica fino al 31 dicembre del corrente anno.

Elia Antonelli

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *